Ammonta a 300.000 euro la multa assegnata da Agcom ai danni delle società del gruppo Amazon operanti in Italia ovvero Amazon Italia Transport, Amazon Italia Logistica e Amazon Italia Service, in solido con le società controllanti totalitarie operanti in Lussemburgo. A detta dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, il player avrebbe esercitato attività postale ovvero avrebbe consegnato i pacchi ai clienti senza la prevista autorizzazione. Le presunte condotte illecite avrebbe in particolare riguardato l’organizzazione di una rete unitaria per svolgere il servizio di consegna dei prodotti di venditori terzi e la gestione dei punti di recapito,

Sanzione di 300.000 euro

La sanzione fa il paio con l’istanza di sospendere le attività non autorizzate e l’invito a richiedere l’autorizzazione per continuare a svolgerle entro 60 giorni. L’Autorità fa presente come il provvedimento è il passaggio finale di un percorso da cui sarebbe risultato che per i prodotti offerti in vendita dai venditori terzi sul marketplace, le società del gruppo Amazon hanno organizzato un servizio di recapito al cliente finale che in nulla si discosta dal servizio di recapito reso dagli altri operatori postali, ad esempio i corrieri espresso, e che ricomprende le ordinarie fasi di lavorazione del ciclo postale: dalla fase di smistamento fino al recapito al cliente finale presso l’indirizzo del destinatario o presso i locker.

E ancora: per l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Amazon Logistics (business unit di Amazon Italia Transport Srl), pur utilizzando corrieri locali per il recapito, agisce in tutto e per tutto come un corriere espresso, con un proprio logo, una propria organizzazione unitaria, definendo le condizioni di svolgimento del servizio e, soprattutto, in diretta competizione con gli altri operatori postali regolarmente abilitati

Indagine Agcom sulla consegna dei pacchi in Italia

Il tutto avviene mentre la stessa Agcom ha avviato un’analisi del mercato dei servizi di consegna dei pacchi che, in linea con il recente regolamento dell’Unione europea, consideri, nell’ambito dell’evoluzione del settore postale nel suo complesso, il mercato della consegna dei pacchi, individuando i soggetti presenti sul mercato e il perimetro del mercato di riferimento e analizzando il ruolo delle piattaforme online (non solo Amazon) e, in particolare, di quelle che offrono servizi di consegna dei pacchi, valutando la capacità di influenzare le dinamiche competitive del mercato della consegna e delineando eventuali interventi regolamentari.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome