Magic Keyboard si aggancia magneticamente all’iPad Pro, permettendo di tenere il display Multi-Touch sospeso sopra i tasti grazie a un sistema a inclinazione libera che permette di regolare l’angolo di visione fino a 130 gradi. Nel suo design portatile, racchiude una tastiera di dimensioni standard con tasti retroilluminati dotati di meccanismo a forbice ed escursione di 1 mm per scrivere in modo preciso anche quando si tiene il dispositivo in grembo.

Il trackpad della Magic Keyboard, con una superficie che permette di fare clic ovunque, completa l’interfaccia touch di iPad semplificando la navigazione e il controllo del cursore, e consentendo di lavorare con grande precisione. Grazie a una porta USB-C per la ricarica pass-through, la Magic Keyboard permette di caricare l’iPad Pro senza occupare l’USB-C sul dispositivo, che resta libera per collegare gli accessori.

Come funziona Magic Keyboard per iPad Pro

Magic Keyboard sfrutta le caratteristiche distintive dell’esperienza d’uso di iPadOS. Quando l’utente sposta il dito sulla superficie del trackpad integrato, il puntatore si trasforma per evidenziare gli elementi dell’interfaccia. E con i gesti Multi-Touch sul trackpad permette di navigare il sistema operativo senza che l’utente alzi la mano dalla superficie.

Questo accessorio è progettato per il nuovo iPad Pro ed è compatibile con i modelli di iPad Pro di generazione precedente ovvero iPad Pro da 11 pollici di prima generazione e iPad Pro da 12,9 pollici di terza generazione. Capitolo prezzi, Magic Keyboard per iPad Pro è disponibile a 339 euro per il modello da 11 pollici e 399 euro per il modello da 12,9 pollici, con layout per oltre 30 lingue fra cui cinese semplificato, francese, tedesco, giapponese e spagnolo.

Display Liquid Retina edge-to-edge, in formato da 11 e da 12,9 pollici, il nuovo iPad Pro 2020 assicura un’ampia gamma cromatica P3 per foto e video. La tecnologia ProMotion regola il refresh rate del display fino a 120Hz. Lo schermo è ad alta luminosità con True Tone con rivestimento antiriflesso. Ecco quindi lo scanner Lidar che misura la distanza dagli oggetti circostanti fino a 5 metri eseguendo una lettura a livello di fotone e a velocità nell’ordine dei nanosecondi.

I nuovi framework di profondità in iPadOS combinano i punti di profondità misurati dallo scanner Lidar con i dati inviati dalle due fotocamere e dai sensori di movimento, sfruttando gli algoritmi di computer vision sul chip A12Z Bionic per rilevare con più precisione i dettagli della scena. La stretta integrazione fra questi elementi si rivela utile per la realtà aumentata. Le principali novità del nuovo iPad ruotano attorno al nuovo chip A12Z Bionic. Grazie alla GPU 8-core del chip A12Z Bionic, all’architettura termica e ai performance controller ottimizzati, iPad Pro garantisce prestazioni più elevate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome