Google Lens è un esempio degli sforzi di investimento compiuti da Google, con sede a Mountain View, nelle tecnologie avanzate di riconoscimento audio-video basate sull’intelligenza artificiale. Inizialmente, il riconoscimento visivo era disponibile solo tramite il download dell’app Lens, ma successivamente è stato integrato nell’app Google Foto e nella barra di ricerca di Google, evidenziando un’immediata integrazione e distribuzione su scala più ampia.

Questa espansione ha reso l’opzione accessibile a tutti gli smartphone, non solo quelli della gamma Pixel di Google. Non è più necessario scaricare un’applicazione poiché il servizio di analisi visiva di Lens è stato integrato direttamente nella barra di ricerca del browser Google Chrome, evidenziando un’ampia diffusione e accessibilità dell’IA visiva di Google.

Google Lens in Chrome, come funziona

Il funzionamento di Google Lens in Chrome si basa sull’identificazione di un’icona con una fotocamera o un quadrato con un cerchio al centro. Il software utilizza la fotocamera dello smartphone o del tablet per individuare gli elementi nell’immagine, confrontandoli con un vasto database online di immagini per proporre risultati accurati.

Questo processo è fondamentale per il funzionamento di Google Lens, che si basa sull’analisi e il confronto delle immagini acquisite con il suo archivio online. Questo approccio può essere paragonato all’operatività di Shazam, che riconosce i brani musicali confrontando le note registrate con il suo database musicale.

Tutti gli smartphone compatibili con Google Chrome possono accedere a Google Lens, grazie all’integrazione del motore di ricerca Google. Nella casella di ricerca di Chrome, è presente un’icona della fotocamera che consente di inquadrare e cercare contenuti in tempo reale o caricare immagini archiviate per l’analisi da parte di Google Lens.

Google Lens dimostra la sua potenza non solo nel riconoscimento di oggetti, ma anche di monumenti, piante e animali. Questo strumento offre diverse possibilità d’uso, tra cui la lettura di recensioni online o la ricerca di prezzi migliori per prodotti elettronici in base ai codici a barre. L’utente può scegliere se consentire a Google di archiviare le immagini per utilizzi futuri.

Google Lens è in grado di riconoscere parole stampate o scritte a mano, fornendo traduzioni in tempo reale tramite Google Traduttore e risolvendo operazioni matematiche complesse. La funzione “Luoghi” permette di individuare monumenti e attrazioni turistiche specifiche.

Articolo precedenteAmazon Kids, come configurare un profilo per bambini
Prossimo articoloAmazon Prime Music: come ascoltare musica offline

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome