Nonostante l’anticipo dei tempi di sviluppo e di rilascio delle prime beta, la distribuzione del nuovo sistema operativo Android 8 Oreo prosegue con evidente gradualità. Tra le novità dell’ultim’ora c’è la disponibilità della terza beta per Samsung Galaxy S8 e Samsung Galaxy S8 Plus. Per testare in anteprima le novità introdotte occorre iscriversi al Galaxy Beta Program, anche attraverso l’app gratuitamente scaricabile sul Play Store, e attendere l’invito di Samsung. Alla base di questa decisione di procedere con le release di prova c’è la volontà di Google di raccogliere i feedback e i commenti degli utenti. Da parte loro, i possessori degli smartphone di punta del produttore asiatico possono testare in anteprima le novità e i miglioramenti implementati.

C’è però un limite che va necessariamente evidenziato: il programma di beta testing non è ancora disponibile in Italia, essendo attivo in un numero limitato di Paesi ovvero Regno Unito, Stati Uniti e la nativa Corea del Sud. In casa Samsung, il via libera alla distribuzione dell’aggiornamento Android 8 Oreo è atteso per Samsung Galaxy S8 e Samsung Galaxy S8+ dunque, ma anche per la gamma Samsung Galaxy S7 così come per il phablet Samsung Galaxy Note 8 e il tablet più recente Samsung Galaxy Tab S3.

Da un operatore all’altro, anche i possessori di Huawei P10 e P10 Plus sono in attesa dell’avvio del rollout della versione finale di Android 8 Oreo e sono adesso ancorati alla release beta. I tempi sono naturalmente più lunghi per Huawei P9 e le sue varianti. Si tratta dell’esempio più evidente della politica dei piccoli passi che prevede la distribuzione con molta gradualità, a iniziare dalla release di prova e solo per pochi mercati. In fin dei conti solo le stesse statistiche a rivelare come il tasso di diffusione della nuova iterazione, al netto dei terminali della gamma Pixel della stessa Google, sia ancora piuttosto basso.

Android: la versione più diffusa

Stando alle ultime rilevazioni ufficiali, quasi un device su tre è equipaggiato con Android 6 Marshmallow con i suoi due anni di età.  A seguire troviamo Android 5.1 Lollipop con il 20,8% dei dispositivi coinvolti con Android 5.1, oltre al 6,4% di Android 5.0. Quote molte simili per Android Nougat, considerando anche l’aggiornamento Android 7.1, mentre non arriva all’1% il nuovissimo Android Oreo, di cui è in fase di sviluppo anche l’update migliorativo Android 8.1. Nulla di sorprendente poiché siamo ancora alle battute iniziali della distribuzione del software. Entrando più nel dettaglio, la fotografia attuale sulla distribuzione delle varie relase di Android è la seguente:

  • Android Marshmallow 30,9%
  • Android Lollipop 27,2%
  • Android Nougat 20,6%
  • Android KitKat 13,8%
  • Android Jelly Bean 6,5%
  • Android Ice Cream Sandwich 0,5%
  • Android Gingerbread 0,5%
  • Android Oreo 0,3%
Come giudichi l'articolo?
[Totale: 14 Media: 2.6]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome