Sta diventando un vero e proprio trend del momento Deadline, la app di Apple che ti svela quando morirai. Non si tratta di un pronostico da chiromante o di una profezia alla Adam Kadmon, ma di un vero e proprio calcolo. Per realizzare Deadline, infatti, il colosso di Cupertino si avvale del contributo di HealthKit, una piattaforma, sviluppata dalla stessa Apple, che monitora lo stato di salute del “curiosone” che vuole arrivare preparato al momento del beato transito. L’aspetto che non lascia indifferente è l’esattissima precisione con cui viene calcolato il tempo che manca al Death Day: anni, mesi, giorni, ore, minuti e addirittura secondi (in effetti bastano anche pochi secondi per un ultimo saluto…)

IL CALCOLO

Com’è possibile questa precisione nel computo degli anni di vita (chi scrive ve ne augura moltissimi!!!) redatto da Deadline? Nessuna sbirciatina a voli di uccelli all’antica moda degli indovini romani o nessuna Cassandra assunta in gran segreto tra i dipendenti Apple, bensì i dati di HealthKit. Chi possiede tale app sa che ha registrato il proprio peso, la pressione, lo stato di salute generale, il tipo di alimentazione e lo stile di vita. Deadline shakera il tutto et voilà ecco il calcolo di quando morirete.

NESSUN VALORE SCIENTIFICO

Ovviamente Apple alza le mani: Deadline elabora un dato puramente statistico, senza alcun valore scientifico, che nasce dall’osservazione dei dati registrati su HealthKit. Certo è che chi dovessa mai scoprire di avere il tempo davvero contato, farebbe bene magari a cambiare le proprie abitudini di vita, virandole vero un percorso più sano. Un’informazione di così “vitale” importanza non è gratuita, ma almeno alla portata di tutti: per avere Deadline occorre spendere solo 89 centesimi.

DEADLINE TRA ANSIA E RISATE

Abbiamo curiosato sul web alla ricerca dei commenti di coloro che ora sanno quando moriranno. Ebbene sostanzialmente ci sono due tipi di reazioni. Chi si è fatto prendere dall’ansia più totale e va spergiurando di modificare le abitudini di vita in modo da poter prolungare la deadline. C’è chi invece reagisce con ironia, ben consapevole che il computo non si basa su alcuna base scientifica, quindi non è affidabile. In ogni caso, vera o falsa che sia la nostra Deadline by Apple, vale il vero senso della realizzazione di questa applicazione: facciamo tutti una vita più sana!