DHL ha battuto Amazon e Google sul tempo effettuando le prime spedizioni aeree tramite droni. DHL è la prima ad aver avuto il via libera per effettuare consegne in Europa tramite i propri Parcelcopter attivando voli regolari verso Juist, un’isola nel Mar del Nord, per la consegna di medicinali in un luogo in cui la rete di trasporti è quasi del tutto assente e non sempre i trasporti via mare sono possibili.

12 chilometri in soli 14 minuti di volo

I Parcelcopter della DHL avevano effettuato con successo il loro primo test di volo già in marzo ma ora è stato effettuato un passo in avanti. I test sono andati a buon fine, in circa 14 minuti sono stati coperti i 12 chilometri di distanza e il sistema di è dimostrato affidabile. Il Ministero dei trasporti tedesco e le autorità di controllo del traffico aereo hanno dato il via libera a procedere, ovviamente i Parcelcopter potranno essere utilizzati, almeno inizialmente, solo in aree selezionate, lontano da case e agglomerati urbani.

Il Parcelcopter di DHL con la capsula ultraleggera per il trasporto di medicinali
Il Parcelcopter di DHL con la capsula ultraleggera per il trasporto di medicinali

Il Parcelcopter ha quattro rotori, pesa circa 5 kg e può trasportare fino ad 1.2 kg. Il volo è assolutamente automatizzato, il Parcelcopter opera fuori dal campo visivo del pilota, ma è possibile intervenire in caso il drone necessiti di un aiuto da terra per le condizioni climatiche ambientali. Il drone è capace di arrivare fino a 65 chilometri all’ora ed è utilissimo per i trasporti a medio raggio.

Sistema di volo completamente automatico

L’istituto di dinamiche dei sistemi di volo dell’Università di Aachen e la Microdrones GmbH sono i partner di sviluppo di DHL, insieme hanno modificato il drone per adempiere alle speciali sfide poste dalle condizioni climatiche. In particolare era necessario realizzare un contenitore per il trasporto aereo estremamente leggero e a tenuta stagna. Così come per far compiere con successo il viaggio di 12 chilometri al drone è stato risolvere i problemi legati alla durata del volo e alla velocità. Per assicurare l’affidabilità del volo e della consegna, per assicurare che i Parcelcopter atterrino sempre nel giusto posto è stato inoltre sviluppato un sistema autopilota che consente decollo e atterraggio automatici.