Il Samsung Galaxy Note Edge. Salverà il bilancio di Samsung?
Il Samsung Galaxy Note Edge. Basterà a salvare i conti Samsung

Accanto al Galaxy Note 4, è arrivato un nuovo smartphone che è, davvero, rivoluzionario. Per quanto in Corea abbiano paura del nuovo iPhone6 e dei conti complicati dall’addio di Apple come fornitore, Samsung non solo ha deciso di provare a metteresi in pari con la concorrenza con il Galaxy Alpha, ma, soprattutto con uno smartphone che avrà uno schermo laterale per l’accesso al flash, Twitter, notizie ed altre applicazioni usate di frequent, il Samsung Galaxy Note Edge.

Schermo curvo

Il Samsung Note Edge usa la tecnologia a display flessibile lanciata, con grande clamore, lo scorso anno, ma che non era mai stata utilizzata per un prodotto così importante per il futuro di quell’azienda. Infatti, con Edge, la curvatura viene usata, per la prima volta, in modo pratico e interessante creando uno schermo laterale che va finire sul retro dello smartphone che, appunto, sarà curvo ma potrà ospitare informazioni di base, senza, magari, bisogno di sbloccare lo schermo principale. Basterà uno sguardo, infatti, per accedere alle informazioni di cui si ha bisogno.

Spazio agli sviluppatori

Gli sviluppatori saranno liberi di usare lo schermo curvo a loro piacimento. Non solo, il bottone della fotocamera apparirà in cima allo schermo laterale, quando il dispositivo sarà orizzontale. Il dissplay laterale darà anche accesso immediato alle app normalmente sull’home screen con funzioni come la luce, il timer che gli utenti iPhone conoscono bene, grazie al loro “control center”.

Il prezzo?

Il prezzo non è ancora stato diffuso. Mentre, per esempio, per il Note 4 i prezzi rimarranno simili al Note 3, il Note Edge dovrà costare, ncessariamente, qualcosa di più, vista la speciale tecnologia che Samsung ha messo in campo per questo innovativo prodotto. Il problema, però, viene adesso perché il rischio è che se lo schermo curvo rimarrà una caratteristica esclusiva dell’Edge, gli sviluppatori richiederanno di essere pagati per sviluppare delle applicazioni ad hoc.

Il lancio

L’Edge è stato lanciato a sorpresa, quando tutti si aspettavano il Note 4 a Berlino. La capitale tedesca sta diventando un luogo quasi ideale per chi, nell’Europa continentale, vuole lanciare un nuovo prodotto. Il fuso orario ha aiutato: negli usa è mattina inoltrata, mentre in europa è pomeriggio. Sarà stata penalizzata l’Asia ma Samsung, in fondo, là gioca in casa.

E gli altri prodotti?

Accanto al Galaxy Edge, Samsung ha lanciato anche degli occhiali per la realtà virtuale che si chiamano Gear VR. Tutti i dispositivi dovrebbero arrivare questo autunno, proprio in occasiuone dello shopping di Natale.