I dischi volanti sono solo fantasie o possono essere realtà? Anche se non si tratta propriamente di veri dischi volanti, la NASA ha recentemente testato un particolare dispositivo con lo scopo di trasportare nell’ultimo tratto di strada per Marte, ovvero nella fase di atterraggio, attrezzature pesanti come possono essere ad esempio i moduli habitat per permettere all’uomo di vivere sul pianeta rosso.

Si tratta di un paracadute e di due dispositivi gonfiabili, denominati SIAD, che permettono la decellerazione un volta entrati nell’atmosfera marziana, che ricordiamo essere più rarefatta della nostra, anche per la differenza di massa fra i due pianeti.Il paracadute supersonico progettato dalla NASA, viste le sue dimensioni (33.5 metri il diametro), è stato testato all’aperto non potendo venire provato in galleria del vento.

La prova effettuata ha cercato di simulare in tutto e per tutto l’atterraggio su Marte, utilizzando altitudini e velocità diverse per bilanciare le differenze atmosferiche rispetto alla Terra.Come funziona la SIAD?Il modulo si gonfia permettendo alla navicella di rallentare fino a Mach 2.5, a questo punto si apre il paracadute di oltre 30 metri che dovrebbe garantire un tranquillo ammaraggio. Altri test sono previsti per l’estate del 2015 nelle Hawai. Forse Marte è davvero più vicina.