sommergibile Todaro 4

Uno scafo costruito con materiale amagnetico,  celle a combustibile che sfruttano la reazione tra idrogeno e ossigeno per produrre energia elettrica indipendentemente dalla presenza di aria e un sistema di propulsione diesel elettrica. Sono queste alcune delle tecnologie di ultima generazione impiegate per la costruzione della classe di sottomarini italiani Todaro, composta dai 2 sommergibili Salvatore Todaro (S 526) e Scirè (S 527), tra i più innovativi a livello mondiale.

Progettati in Germania e realizzati nel nostro Paese da Fincantieri, queste imbarcazioni high tech hanno una elevata autonomia di immersione e riescono a muoversi in maniera silenziosa in modo da risultare poco tracciabili dai sonar (mezzo strumento di localizzazione che utilizza la propagazione del suono per rilevare la presenza di imbarcazioni). Dal 23 maggio 2008 l’imbarcazione Salvatore Todaro (S 526) è stata impiegata in una missione di prova della durata di 6 mesi nell’oceano Atlantico approdando il 4 giugno a Hamilton, capitale delle Bermuda, e infine a Jacksonville, in Florida, per partecipare all’esercitazione JTFEX (Joint Task Force Exercise), una tra le più importanti esercitazioni internazionali nel settore subacqueo.

Inoltre dal 10 al 15 ottobre dello stesso anno questo sommergibile italiano, l’unico ad aver mai raggiunto l’America, ha rappresentato il nostro Paese durante il “Columbus day” a New York rientrando a Taranto a inizio dicembre.

foto di By  Navy foto di Mass Communication Specialist 2a classe Regina L. Brown 

Foto di  Capitano di Fregata (GN) GIAMPIERO RANIERI