Nonostante i timori, i dati sugli incidenti in autostrada dopo lo spegnimento del tutor registrano solo un lieve aumento dei feriti, ma un’evidente diminuzione dei morti. Forse si può dire che, dopo una dozzina d’anni di tutor, molti sono ormai abituati a rispettare i limiti, anche perché si sono diffusi modelli come i Suv che non invogliano la guida sportiva. L’incidentalità stava già diminuendo prima del tutor (i veicoli sono sempre più sicuri) e il sistema ha dunque solo accentuato la tendenza. Resta da sottolineare che, con il boom degli smartphone e dei sistemi multimediali di bordo, andare piano si trasforma spesso da fattore di sicurezza a occasione di distrazione.

I primi nuovi 22 tutor accesi

Le 22 tratte autostradali su cui riparte il sistema sono

  • A1: Reggio Emilia-Campegine e Campegine-Parma; Firenzuola-Badia e Badia-Firenzuola; Allacciamento Diramazione Roma Nord-Ponzano Romano; Ponzano Romano-Magliano Sabina; Magliano Sabina-Orte; Allacciamento Diramazione Roma Sud-Colleferro; San Vittore-Cassino; Cassino-Pontecorvo; Colleferro-Valmontone; San Vittore-Caianello
  • A10: Albisola-Celle Ligure e Celle Ligure-Albisola
  • A14: Valle del Rubicone-Cesena; Faenza-Forlì; Cesena-Valle del Rubicone; Valle del Rubicone-Rimini Nord
  • A16: Baiano-Avellino Ovest e Avellino Ovest-Baiano
  • A30: Sarno-Palma Campania; Allacciamento A1/A30-Nola

Le conseguenze per chi viene colto a guidare in stato di ebbrezza sono più serie di quel che si pensa leggendo il semplice elenco delle sanzioni: bisogna anche sottoporsi a esami specialistici per dimostrare di non essere etilisti cronici. Pur considerando le sole sanzioni, la guida in stato di ebbrezza è punita molto pesantemente. Innanzitutto, anche quando il tasso alcolemico è compreso tra 0,51 e 0,8 g/l (ipotesi depenalizzata) ci sono una sanzione amministrativa pecuniaria di 532 euro e la sospensione della patente da tre a sei mesi. Tra 0,81 e 1,5 g/l, ci sono un’ammenda da 800 a 3.200 euro, l’arresto fino a sei mesi, la sospensione della patente da sei mesi a un anno e la confisca del mezzo, se motoveicolo o ciclomotore.

Oltre 1,5 g/l, ci sono un’ammenda da 1.500 a 6.000 euro, l’arresto da sei mesi a un anno e la sospensione da uno a due anni. In tutti i casi di ebbrezza vengono anche decurtati 10 punti dalla patente. Sanzioni più pesanti per infrazioni notturne e per chi causa incidenti. Secondo più di un giudice, quando un etilometro salta una verifica periodica può essere rimesso in servizio solo dopo essere stato sottoposto nuovamente alla verifica primitiva, più approfondita. Questa interpretazione si basa sulla norma secondo cui un etilometro, per essere conforme, deve riportare l’indicazione dell’intervallo di tempo che deve separare due operazioni di manutenzione.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome