Si accorciano i tempi per l’avvio del rollout del nuovo aggiornamento di sistema operativo Windows 10 Fall Creators Update, a due anni dal rilascio della major release Windows 10. Alcune funzionalità del software, atteso nel corso del mese di settembre 2017, richiedono un hardware avanzato e non tutte sono disponibili su ogni dispositivo. Almeno in questa primissima fase occorre mettere in conto qualche possibile problema di troppo.

Realtà virtuale e aumentata. Continua l’impegno di Microsoft nei confronti della Realtà Virtuale e della Realtà Aumentata di cui Windows 10 Fall Creators Update dovrebbe essere il futuro ambasciatore. Nell’aiutare gli sviluppatori a creare questa nuova esperienza tra il mondo reale e quello virtuale, la casa di Redmond ha reso disponibile negli Stati Uniti e in Canada il primo Windows Mixed Reality Dev Kit realizzato da Acer e HP e acquistabili rispettivamente a 299 e 329 dollari. I visori realizzati dai due produttori si differenziano per il design, ma offrono essenzialmente le medesime funzioni con doppio schermo a cristalli liquidi da 1.440 x 1.440 pixel, refresh fino a 90 Hz e angolo di visuale di 95 gradi. In aggiunta è stato rivelato il Windows Mixed Reality motion controller che potrà essere usato in abbinamento col visore per fornire una migliore immersività nel mondo virtuale. Questi controller sono dotati di tracciamento ottico per rilevare il movimento, touchpad e trigger.

Sequenza temporale. Windows 10 ricorderà quello che stavamo facendo ieri, l’altra settimana o anche prima. In pratica traccerà le nostre attività e attraverso la nuova funzione Sequenza temporale, accessibile cliccando sul tasto delle attività presente nella barra delle applicazioni, potremo tornare indietro al lavoro precedente. In altre parole saremo in grado di risalire al documento su cui stavamo lavorando, alla musica che stavamo ascoltano, alle pagine web che stavamo visitando, al video che stavamo guardando e così via. Inoltre, grazie alla sincronizzazione, Cortana saprà suggerirci le attività da svolgere quando passiamo ad un altro computer avendo memoria di quello che stavamo facendo. Se ad esempio stiamo visitando una pagina web sul notebook, quando passiamo allo smartphone Cortana ci chiede se vogliamo continuare a visitarla. Inoltre sarà possibile copiare e incollare gli elementi degli Appunti tra i dispositivi connessi.

Tastiera touch. Non solo la penna, ma anche l’uso della tastiera a schermo è stato notevolmente migliorato, anche perché tutti i dispositivi Surface sono appunto dotati di uno schermo touch. È stato innanzitutto migliorato il sistema di predizione del testo, ora più intelligente e in grado di suggerire le emoticon. Si possono scorrere le emoji senza dover passare da una pagina all’altra delle varie categorie. È stato aggiunto un nuovo layout per la tastiera, più piccolo in modo che possa essere utilizzato con una sola mano, proprio come su uno smartphone. Disponibile anche la possibilità di digitare il testo con la modalità Shape, ovvero trascinando il dito sui tasti, proprio come già avviene sulle tastiere degli smartphone.

Un’app per ogni attività. Cambia il modo con cui possono essere gestite le associazioni dei file per le varie app. Ora per ogni app si può controllare il tipo di file che è in grado di gestire. Per visualizzare questa nuova funzione andare in Impostazioni -> App -> App predefinite -> Configura le impostazioni predefinite in base all’app. Scegliere quindi un’applicazione e fare clic su Gestisci per visualizzare tutti i tipi di file e le associazioni di protocollo per cui l’applicazione è impostata come predefinita.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 2 Media: 3]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome