La procedura da seguire per i PC Windows anche per il cloud



Si tratta di un’operazione che viene sistematicamente trascurata eppure fare il backup dei dati presenti nel proprio computer è molto importante. La ragione è molto semplice: i dischi non sono eterni e può bastare veramente poco per ricevere un brutto scherzo, anche uno sbalzo della corrente elettrica. Tutti noi sappiamo quanto i dati, le foto, i file musica e i documenti vadano protetti e conservati, ma non sempre ci comportiamo adeguatamente. In realtà bastano pochi minuti per impostare il backup. Le operazioni disponibili nello strumento di Windows permettono agli utenti di eseguire copie di sicurezza mirate a cartelle specifiche. La sola accortezza è acquistare una unita di memoria da da utilizzare come archivio dei dati.

Da ricordare come una soluzione alternativa per archiviare i dati sia rappresentata dai servizi cloud. In questo modo avremo la certezza di essere al riparo da ogni genere di rischio legato al malfunzionamento di un disco fisso o dell’unità di memoria. Non solo, ma sarà inoltre possibile accedere ai file ovvero alle copie di sicurezza da qualsiasi dispositivo. Alcune delle soluzioni più comuni sono OneDrive di Microsoft o Dropbox.

In ogni caso, per chi sceglie la strada tradizionale, in prima battuta occorre quindi collegare l’unita di memoria esterna a una qualsiasi porta Usb del PC e accertarsi che la riconosca. Basta che mostri l’icona alla voce Dispositivi e unità. Il secondo passo è configurare il backup per il dispositivo appena collegato. Per procedere bisogna fare clic su Start e poi su Impostazione. Quindi dal pannello scegliere Aggiornamento e sicurezza. Nella finestra successiva dobbiamo indicare a Windows quale unità usare per il Backup. E allora occorre fare clic sull’icona con il simbolo + per aggiungere una nuova unità. Comparirà un piccolo menu di selezione all’interno del quale saranno raccolte tutte le unità disco disponibili. Nel caso di collegamento di più di una, scegliere quella da usare.

A questo punto, una volta scelta l’unità, entrare in Altre opzioni tra le possibilità proposte. Per prima cosa sarà visualizzata la panoramica delle azioni possibili. Occorre attendere qualche istante prima di procedere con il backup. Alla voce Esegui il backup dei file, indicare ogni quanto si desidera che venga ripetuta l’operazione. L’impostazione predefinita è Ogni ora, ma naturalmente è possibile modificarla a piacere. Scorrendo la schermata, poi, è possibile vedere le cartelle che Windows include nel backup. Se si ritiene che alcune di queste non siamo importanti, è sufficiente selezionarle e scegliere il comando Rimuovi. Allo stesso modo, infine, è possibile includere una cartella specifica, magari quella che contiene i documenti personali, con un clic su Aggiungi una cartella.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 3 Media: 5]

NESSUN COMMENTO

Rispondi