Ecco quanto traffico dati viene consumato per l'ascolto di musica in streaming



Si chiama MP3 Music Download ed è una comoda applicazione che permette di scaricare i brani in mobilità dal nostro smartphone, ovunque ci troviamo. L’applicazione consente di cercare e ascoltare migliaia di brani italiani e stranieri e scaricarli in formato MP3 sul dispositivo con un semplice tap. Funziona egregiamente, restituisce diversi risultati, la qualità delle canzoni è mediamente alta, si possono anche visualizzare i testi dei brani e può essere usato come player alternativo a quello standard di Android. Interessante è anche la possibilità di creare anche la suoneria dalla canzone scaricata all’interno della stessa app.

Non è il solo: c’è Songr che consente di cercare, ascoltare e scaricare milioni di brani MP3 di ogni genere, avviando il download e sfruttando 16 motori di ricerca online. Songr riesce a trovare in pochi istanti anche i brani più rari e insoliti, con un notevole risparmio di tempo e permette di trasferire la musica che si ascolta sul disco rigido del computer, operazione che consigliamo di non eseguire con i brani coperti da diritto di autore. Questi ultimi possono essere facilmente acquistati dai cinque negozi digitali messi a disposizione dalla stessa applicazione. Quando si seleziona una canzone trovata dopo la ricerca, viene visualizzata anche la biografia del suo autore e si possono scaricare anche i testi.

In più, come una vera radio, è possibile ascoltare direttamente in streaming tutti i brani musicali oltre a scaricare album completi sfruttando diversi siti di hosting esterni al programma, tra i quali YouTube, dal quale si può convertire e scaricare musica in formato video o nella sola traccia audio MP3. Songr è un aggregatore di motori di ricerca musicali, studiato per individuare la versione di qualità migliore di una canzone, riprodurla attraverso il suo lettore integrato e scaricarla in MP3, purché non coperta dai diritti di autore. Niente a che vedere con i classici software di P2P come BitTorrent o eMule: nessuna coda, nessuna condivisione con altri utenti, nessun server a cui collegarsi, nessun rischio di scaricare brani senza prima ascoltarli, ma solo ricerca, riproduzione e download semplificato.

In ogni caso, per evitare di consumare quasi subito tutto il traffico dati della nostra connessione mobile (3G/4G), quando scarichiamo un MP3 o vogliamo riprodurre una canzone in streaming, assicuriamoci di farlo sempre quando siamo collegati in Wi-Fi al nostro router o comunque a un hotspot pubblico. Ecco quanto traffico dati viene consumato per l’ascolto di musica in streaming a seconda della qualità del brano.

Qualità 96 kbps: 0,72 MB al minuto, 43 MB in un’ora, 1,34 GB in un mese.
Qualità 160 kbps: 1,2 MB al minuto, 72 MB in un’ora, 2,23 GB in un mese.
Qualità 320 kbps: 2,4 MB al minuto, 144 MB in un’ora, 4,46 GB in un mese.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 6 Media: 3.3]

NESSUN COMMENTO

Rispondi