Si tratta di una delle necessità più comuni perché spesso non basta creare e salvare un file in formato .doc o .docx ovvero in Word, ma è necessario esportarlo e trasformarlo in PDF. La ragione è semplice: si tratta di un formato di file sviluppato da Adobe che consente di creare documenti visualizzabili con qualsiasi tipo di dispositivo e piattaforma. La sua particolarità sta nella capacità di gestire sia testi sia immagini e qualsiasi altro elemento presente in un documento, come tabelle, firme, notazioni a mano. Word permette di salvare un documento creato ed elaborato in formato PDF, anche se è più corretto dire che consente di esportarlo in PDF, tutto in pochi passaggi.

Come fare allora per esportare, trasformare e convertire i file Word i documenti PDF? Tra le schede in alto, facciamo clic su File. Si apre una pagina che mostra a destra le proprietà del documento in elaborazione, a sinistra i comandi per la gestione dei file per caricarli, salvarli, esportarli, stamparli e altro ancora, e al centro le funzioni per proteggerlo e controllarlo. Per creare un file in PDF, clicchiamo a sinistra su Esporta. Qui possiamo scegliere il formato d’esportazione del file. La prima scelta offerta è la creazione di un documento PDF/XPS. Il formato XPS è proprietario Microsoft e svolge la stessa funzione di uno PDF, è però meno diffuso e conosciuto. Per proseguire, clicchiamo quindi al centro su Crea documento PDF/XPS, quindi ancora sul pulsante Crea documento PDF/XPS a destra.

Si apre la finestra di dialogo per salvare il file, che nella casella Nome file ha già l’estensione .pdf. Se un file PDF contiene molte immagini, può essere pesante. Al centro in basso è presente l’opzione Ottimizza per. Normalmente dobbiamo regolarla su Standard e scegliere Dimensioni minime soltanto se dobbiamo alleggerire il file, ricordando che ciò va a discapito della sua qualità. Se non vogliamo esportare in PDF l’intero documento sul quale stiamo lavorando, dobbiamo cliccare sul pulsante Opzioni. Nella finestra di dialogo che si apre, possiamo scegliere di esportare l’intero documento, soltanto la pagina sulla quale ci troviamo in quel momento o un determinato intervallo di pagine da indicare nell’apposita finestra.

Una volta fatto, clicchiamo su OK. Ora non resta che navigare sul computer, o nel cloud, fino a trovare dove vogliamo salvare il documento redatto in formato PDF. Se necessario, possiamo anche cambiare il nome al file affinché sia in linea con l’uso che dobbiamo farne. Se vogliamo aprire subito il file PDF che stiamo per esportare, attiviamo la casella Apri il file dopo la pubblicazione, quindi clicchiamo su Pubblica. Se abbiamo attivato la casella Apri il file dopo la pubblicazione, si apre Adobe Reader, o il programma da noi usato per visionare i file PDF, e ci mostra il file PDF appena esportato. Come sempre, eseguiamo una doverosa verifica che tutto corrisponda ai nostri desideri e a questo punto siamo pronti a utilizzare il file per gli scopi per i quali l’abbiamo creato.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome