Nonostante molti utenti siano contrari a effettuare l’aggiornamento a Windows 10 e abbiano deciso di non abbandonare Windows 8 o addirittura Windows 7, la fetta di mercato che il nuovo sistema operativo di Microsoft sta conquistando con il passare del tempo è sempre maggiore. In crescita è anche il numero di coloro che stanno imparando ad apprezzare il lavoro svolto dall’azienda di Redmond, alla quale va riconosciuto l’impegno nell’ascoltare i consigli e le lamentele degli utenti oltre al merito nella realizzazione di un sistema operativo versatile. Microsoft con Windows 10 ha di fatto cercato di unire e aggiornare in un sistema operativo le funzioni offerte con Windows 7 e Windows 8.

Nel nuovo sistema operativo sono stati infatti reintegrati vecchi elementi che proprio gli utenti, a gran voce, avevano richiesto successivamente alla loro rimozione avvenuta con l’uscita sul mercato di Windows 8. Un’importante funzione che è stata proprio con Windows 10 oggetto di sostanziali modifiche è Esplora file ovvero la shell che ci consente di esplorare file e cartelle all’interno del sistema operativo. Oltre alla completa integrazione di OneDrive che ci permette di utilizzare i file presenti nel cloud come se fossero sul nostro computer e alla scheda per condividere gli elementi selezionati direttamente con il programma scelto, sostanziali modifiche sono state effettuate nella gestione del salvataggio dei file.

Infatti, ogni volta che salviamo un nuovo file su Windows 10, viene selezionata in modo predefinito la cartella dei documenti e delle immagini relativa all’utente presente nella partizione C:. Non tutti sanno, però, che è possibile scegliere l’hard disk predefinito all’interno del quale salvare determinati tipi file in modo tale da poter salvarli su un differente disco rigido e creare un backup.

E allora, come fare per cambiare il disco predefinito con il nuovo Windows 10? Clicchiamo sul pulsante Start e successivamente su Impostazioni. Una volta aperte le impostazioni, facciamo clic su Sistema e nell’elenco che compare a sinistra, facciamo clic sulla voce Archiviazione. Spostiamoci sulla destra. Sotto la sezione Posizioni di salvataggio, possiamo scegliere, in base alla tipologia di contenuto, su quale unità disco desideriamo salvare i nostri file o programmi. Se scegliamo la pendrive USB Windows 10 salverà automaticamente i file sulla chiavetta e, qualora venga rimossa, tornerà a salvarli nell’hard disk primario fino a quando la chiavetta non verrà ricollegata al computer.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 8 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome