Se ci si trova spesso a lavorare in mobilità, né in ufficio né in casa, sicuramente ci si è trovati di fronte al dilemma: tablet o notebook? Considerando peso e ingombro, la scelta del tablet sembrerebbe immediata, ma la perplessità che potrebbe farsi largo riguarda la comodità di quest’ultimo dispositivo nel momento in cui ci si trovi a dover redigere un documento di testo o un foglio di calcolo, perché l’assenza di una tastiera fisica potrebbe rivelarsi un handicap qualora si abbia bisogno di scrivere.

La soluzione la si può trovare facilmente scegliendo un sistema 2-in-1, cioè un device ibrido che combini le peculiarità di un tablet a quelle di un pc per adattarsi alla flessibilità che ci impone la vita quotidiana. Ciò che accomuna questo tipo di dispositivi è la tastiera staccabile, decisamente una nuova dimensione della tecnologia. Essendo una categoria di prodotti relativamente giovane, i produttori stanno ancora sperimentando per trovare quale combinazione meglio si adatti alle richieste della clientela, ma in generale questo sistema si realizza attraverso la rotazione del coperchio del dispositivo fino a chiudersi sulla base o tramite un meccanismo a magnetico o a incastro.

I convertibili con tastiera non staccabile, dunque quelli in cui la parte superiore del device si chiude lasciando esposto solo il display, sono consigliabili a chi voglia utilizzare la modalità tablet solo occasionalmente, preferendo l’utilizzo come notebook. I modelli con tastiera staccabile, al contrario, sono da consigliare a coloro che prevedono di utilizzare di preferenza il solo tablet, magari perché hanno la necessità di ridurre le dimensioni o il peso del dispositivo che intendono portare con sé. La tastiera resta comunque un’opzione da considerare per la comodità. In quest’ultima situazione, particolare attenzione va prestata al sistema di aggancio o di rotazione che rende possibile la trasformazione da notebook a tablet e viceversa: è consigliabile che tutte le parti siano costituite da materiali metallici, dal momento che quelle in plastica sono più soggette a rompersi con il tempo e l’utilizzo. Da sottolineare come al momento esistano sia convertibili Android che Windows, mentre per l’iPad esistono tastiere wireless da abbinare a un prodotto che comunque nasce come tablet.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome