Sono le ultime indiscrezioni sull’iPhone 8 che arrivano dall’estremo oriente ed esattamente dal Korea Herald, a riferire come Apple si sia convinta a puntare sulla tecnologia Oled. Più esattamente, la società della mela morsicata vorrebbe implementarla sulla variante da 5,5 pollici, accanto comunque ai modelli con display LCD tradizionali. In buona sostanza, l’azienda di Cupertino potrebbe sviluppare due varianti dell’iPhone 8 Plus. Non solo, ma le novità passerebbero anche dalla presenza di uno schermo curvo ai lati, al pari di quello adottato sul Samsung Galaxy S7 Edge, per migliorare e arricchire l’esperienza di visualizzazione.

E sempre nello stesso report del Korea Herald, pubblicato domenica scorsa, si legge anche come saà concesso un maggiore spazio alla plastica, congeniale per i pannelli curvi per dispositivi come il Galaxy S7 Edge, mentre il vetro è in genere utilizzato per gli schermi piatti. Di conseguenza il prossimo iPhone (iPhone 8 o iPhone 7S) potrebbe utilizzare le nuove tecnologie di rilevamento che permettono al telefono di rispondere toccando ogni lato del dispositivo, “ma Apple non può adottare questa innovazione“, riferisce la fonte contattata e ritenuta credibile, senza però fornire ulteriori dettagli. Ci sarebbe però un problema di produzione, considerando che la capacità di Samsung, fornitore di Apple, nella produzione di schermo Oled curvi è stimata in circa 70 a 100 milioni di unità.

Si tratta di una cifra che rappresenta meno della metà delle vendite annuali di iPhone, pari a circa 200 milioni di unità all’anno. Altri report riferiscono tuttavia come LG, per lungo tempo fornitore di display LCD per Apple, stia attualmente lavorando con la stessa Apple e con Google per sviluppare pannelli pieghevoli nella scia di quanto visto con il Samsung Galaxy S7 Edge. I tempi non sarebbero comunque immediati e l’appuntamento sarebbe rinviato solo al 2018. Su un punto sembrano tutti d’accordo: non è da mettere in conto alcun cambio di strategia rispetto ai tempi di presentazione e di uscita dell’iPhone 8 (o appunto iPhone 7S nel caso in cui si mantenga la consueta alternanza di denominazione).

L’appuntamento sarebbe dunque a settembre con il consueto keynote e nel giro di poche settimane con la messa a scaffale del terminale. A completamento delle indiscrezioni che stanno ruotando attorno alla prossima generazione di iPhone in questo periodo di Natale, non viene piuttosto esclusa una più profonda riprogettazione che passerebbe dalla ricarica wireless, dal corpo in vetro, dalla sparizione del tasto Home fisico, dalla soluzione dell’edge-to-edge ovvero dello schermo senza cornice, dal sensore per la lettura delle impronte digitali integrato e da una più performante fotocamera nella parte posteriore.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 3 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome