Blackberry Passport con sistema operativo Android?

La chiave del successo sta nell’innovazione? Stando a sentire gli utenti la risposta è affermativa: la capacità di stare un passo in avanti rispetto alla concorrenza rappresenta un punto di attrazione che stimola i consumi. E i vari iPhone 7, Huawei P9, Samsung Galaxy S7, Google Pixel rappresentano (o rappresenteranno a breve nel caso dei successori dei Nexus) la risposta dei produttori. Che adesso avranno a che fare con un concorrente in meno che dell’innovazione ha sempre fatto il suo cavallo di battaglia. Blackberry, gruppo canadese che è stato pioniere del settore degli smartphone con l’omonimo dispositivo, continua a cambiare pelle e prosegue con la strategia per ricalibrare le attività sui software.

La società, insieme alla pubblicazione dei conti del secondo trimestre fiscale 2017, ha fatto sapere che smetterà di produrre internamente smartphone, affidandosi a partner esterni. «La nuova strategia Mobility Solutions mostra segnali di accelerazione», ha detto l’amministratore delegato John Chen, spiegando che il gruppo prevedere di mettere fine a tutto lo sviluppo interno di hardware, dando in outsourcing queste attività. «Questo ci consentirà di ridurre i requisiti patrimoniali e migliorare il ritorno sul capitale investito», ha dichiarato il numero uno di Blackberry. «Le fondamenta finanziarie sono solide e l’orientamento verso il software sta guadagnando slancio. La strategia sta raggiungendo un punto di svolta».

Di fatto, tra le ultime produzioni della società che hanno ricevuto un buon riscontro c’è il Blackberry Passport. E non a caso che, al di là degli sconti che rendono appetibile questo device (e la variante Silver Edition), abbia fatto la sua comparsa, per ora solo sul web, una versione equipaggiata con la release Lollipop del sistema operativo Android. Blackberry Passport è uno smartphone perfettamente squadrato, i cui spazi sono distribuiti fra un display da 4,5 pollici (1.440 x 1.440 pixel) e un tastiera fisica QWERTY i cui tasti sono disposti in tre file su una superficie touch che fa da trackpad.

Spinto da un processore Snapdragon 801 quad core a 2,2 GHz con chip grafico Adreno 330 e 3 GB di RAM e 32 GB di storage (espandibili fino a 128) tramite microSD, il device è dotato di una fotocamera posteriore con sensore da 13 megapixel con autofocus, stabilizzatore ottico dell’immagine, LED flash e in grado di registrare video a 1080p a 60fps, e di una videocamera frontale da 2 megapixel. E ancora, sistema operativo BlackBerry 10.3, assistente vocale, sensore NFC (Near Field Communication) per gli acquisti in mobilità. BlackBerry aveva stretto un accordo di collaborazione con Amazon per l’acquisto di app. Il segmento di mercato di riferimento è quello business.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 4 Media: 5]

NESSUN COMMENTO

Rispondi