Ancora promozioni e offerte in vista dell'estate da parte degli operatori telefonici



Tutto confermato sulla rivisitazione delle tariffe per cellulari in questo mese di giugno 2016. I cambiamenti più rilevanti si registrano dalle parti di Tim che fino al 30 settembre propone esattamente il doppio di quanto finora offerta. In particolare ecco Tim Special Start che ora prevede 2.000 minuti di chiamate e 4 GB di traffico web in 4G, al costo di 20 euro ogni 4 settimane, Tim Special Voce+Dati ovvero 1.000 minuti e 4 GB di Internet in 4G a 20 euro ogni 4 settimane, e Tim Special Large che include 6.000 minuti e 6 GB per navigare in 4G a 30 euro ogni 4 settimane.

Le tre nuove tariffe possono essere arricchite con le opzioni aggiuntive ovvero 1 GB 4G a 5 euro ogni 4 settimane, 2 GB 4G a 10 euro ogni 4 settimane, 500 minuti a 5 euro ogni 4 settimane e 500 SMS verso tutti a 3 euro ogni 4 settimane. Come spiegato dall’operatore telefonico, per chi passa a Tim mantenendo il proprio numero o attiva una nuova linea e sceglie di addebitare l’offerta su credito residuo, il costo di attivazione è di 3 euro. Se l’offerta viene attivata online il costo di attivazione e le prime 4 settimane sono gratis. Per i già clienti TIM è previsto un costo di attivazione di 19 euro. Fino al 12 giugno 2016 è invece attivabile Wind Music Awards Celebration che include 400 minuti di conversazione telefonica e 2 GB di traffico web 4G al costo di 10 euro ogni 4 settimane. Se chi attiva l’offerta ha meno di 30 anni, i GB diventano 3.

Il tutto mentre l’Agcom ha diffidato gli operatori di telefonia mobile Tim e Wind al rispetto delle disposizioni del Regolamento europeo in tema di roaming, per il periodo fino al 14 giugno 2017, quando decorrerà la tariffa unica europea, con l’abolizione dei costi di roaming. Agcom (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) ha deciso di adottare un generale atto di indirizzo per gli operatori sull’applicazione della normativa. Tim e Wind hanno tempo fino al 30 giugno 2016 per adeguarsi. Di che si tratta? Dell’entrata in vigore del tetto di 5 centesimi al minuto per le chiamate vocali e per ogni MB di navigazione web e della soglia di 2 centesimi supplementari per gli SMS.

Questa è solo una tappa intermedia di un percorso ben più lungo e completo che porterà tra un anno alla parità dei costi di chiamate, SMS e traffico web tra mobile e utenza domestica. Le nuove norme prevedono che le imprese che offrono l’accesso a Internet trattino il traffico dati in modo omogeneo, tuttavia gli operatori telefonici possono imporre maggiorazioni in casi eccezionali, come la perdita di ricavi.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 5 Media: 3.2]

NESSUN COMMENTO

Rispondi