Il pubblico di Internet in Italia non cresce e anche il più recente report conferma che il tetto di 30 milioni di utenti ovvero circa un italiano su due, continua a non essere sfondato. Se poi si entra nel cuore dei dati, si scopre come a farla da padrone siano i social network, Facebook su tutti, senza i quali il traffico generato sarebbe considerevolmente inferiore. Rispetto agli altri Paesi europei, insomma, Internet in Italia è fermo, almeno dal punto di vista numerico. È sufficiente tirare in ballo un digital divide ancora troppo pronunciato ovvero ritardi infrastrutturali mai colmati o ci sono altri ragioni per spiegare questa situazione di stallo? C’è un problema di qualità dell’offerta? O c’è un pubblico svogliato e superficiale che non ama andare al di là dei social network?

Una buona fetta dell’utilizzo di Internet arriva dunque da Facebook, sempre più consultato dagli italiani. E anche i numeri relativi ai portali di ecommerce, resi noti da audiweb, andrebbero depurati da operazioni come il pagamento delle bollette tramite home banking per avere un’idea più precisa e veritiera sulla sua diffusione in Italia. Più nel dettaglio la total digital audience registrato mese di maggio ha raggiunto 28,3 milioni di utenti, il 51,3% degli italiani dai 2 anni in su, online in media per 48 ore e 57 minuti per persona. Come prevedibile, se nel giorno medio sono stati 21,5 milioni gli utenti online, 11,2 milioni di questi tramite computer e 18,2 milioni (la maggioranza) da mobile ovvero smartphone e tablet.

Resta quindi confermata la quota superiore del tempo trascorso online da smartphone e tablet, pari al 73,2% del tempo totale dei 18-74enni, rispetto al tempo trascorso da computer o comunque da dispositivi fissi. Inoltre, cambiano le quote di audience tra i mezzi a seconda delle caratteristiche demografiche degli italiani online: le donne dedicano alla navigazione da mobile il 79,4% del tempo totale online, i 18-24enni ben l’86%, i 25-34enni il 79,7% e i 35-54enni il 70,5%, mentre il tempo online da mobile degli italiani tra i 55 e i 74 anni supera di poco la quota di tempo speso da computer (40,3%).

E ancora, i dati audiweb aggiornati a maggio rivelano che il tempo quotidiano trascorso online dalle donne si mantiene sopra la media, con 2 ore e 12 minuti, mentre gli uomini hanno navigato per 1 ora e 57 minuti. Inoltre, con 2 ore e 33 minuti online nel giorno medio, i 18-24enni si confermano ancora tra i principali fruitori della rete, seguiti dai 25-34enni con 2 ore e 21 minuti online.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 8 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome