Chiamare, inviare SMS e navigare con il cellulare costa di meno



Appuntamento a sabato 30 aprile 2016, giorno in cui telefonare in Europa costerà di meno. Più esattamente entrerà in vigore la soglia dei 5 centesimi al minuto per le chiamate vocali e per ogni MB di navigazione web. Fissata anche la soglia di 2 centesimi supplementari per gli SMS. Tanto per avere un’idea, attualmente le soglie sono di 6 centesimi per i messaggi di testo, di 19 centesimi al minuto per le telefonate e di 20 centesimi per ogni MB consumato. In buona sostanza spariscono i supplementi del roaming, che scattano quando la rete del proprio operatore non è disponibile. E si tratta solo di una tappa intermedia che porterà a giugno 2017 alla parità dei costi di chiamate, SMS e traffico web con quelli dell’utenza domestica.

Sono coinvolti non solo i Paesi dell’area euro, ma anche quelli dello spazio economico europeo, come Norvegia e Croazia. Le modifiche entrano in vigore per via dell’intesa stipulata da Commissione europea, Parlamento europeo e Consiglio europeo, che stabilisce la creazione di un periodo cuscinetto tra il 30 aprile 2016 e il 15 giugno 2017. Il testo prevede anche che le imprese che offrono l’accesso a Internet trattino il traffico dati in modo omogeneo. C’è solo un aspetto a cui prestare attenzione: gli operatori telefonici possono imporre maggiorazioni in casi eccezionali, come la perdita di ricavi. Sono almeno nove anni che Bruxelles aveva puntato l’indice contro i costi di roaming, disattivabile dagli utenti solo impostando manualmente l’opzione di mancato collegamento.

Stando a una recente indagine della Commissione europea, la quasi totalità dei cittadini dell’Unione (il 94%) limita l’utilizzo dei cellulare quando viaggia in un Paese diverso dal proprio. Per la relatrice del provvedimento, l’europarlamentare Pilar del Castillo, esponente del Partito popolare europeo, “l’abolizione delle maggiorazioni per il roaming è stata a lungo attesa da tutti, dalla gente comune, dalle startup, dalle Pmi e non solo“. In ogni caso, sono destinati a cambiare il modo di utilizzo e la convenienza delle tariffe proposte dagli operatori telefonici.

Il suggerimento per chi utilizza dall’estero pacchetti con tetto giornaliero di minuti di chiamate, SMS e MB di traffico dati e che si attivano in automatico, è di non comportarsi distrattamente, ma di prestare sempre attenzione. In linea di massima, infatti, una soluzione di questo tipo è adatta a chi immagina di dover telefonare di frequente. Un caso a sé sono le vacanze in crociera: gli operatori di rete proposti dalla nave sono mediamente i più cari di tutti.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 3 Media: 5]

NESSUN COMMENTO

Rispondi