L’opera dell’artista Markus Kayser



È appena finita l’estate, anzi qualcuno ancora va al mare approfittando del bel tempo, e spesso tra bambini scattano le gare di castelli di sabbia, gare che coinvolgono spesso i genitori che si cimentano in ardite opere di ingegneria o in soluzioni creative per costruire un castello più bello, scolpire una sirena nella sabbia o simili. Chi di noi non ha mai fatto questa esperienza. E chi di noi non ricorda quei bambini un po’ sadici che da piccoli arrostivano le formiche con una lente d’ingrandimento sfruttando la luce del sole?

SolarSinter sfrutta l’energia solare per stampare in 3D oggetti di vetro a partire dalla sabbia

Un oggetto stampato da Markus Kayser usando la sabbia
Un oggetto stampato da Markus Kayser usando la sabbia

Ecco, Markus Kayser incarna un po’ tutto questo, ha costruito il SolarSinter. In un mondo sempre più coinvolto nella questione energetica, sempre più interessato alla produzione di energia e di fronte alla crescente carenza di materie prime, il progetto di Marcus vuole esplorare il potenziale produttivo del deserto, dove si trovano energia e materiali grezzi in abbondanza. In questo esperimento la luce del sole e la sabbia sono utilizzati come energia e materie prima per la produzione di oggetti in vetro utilizzando un processo di stampa 3D, che unisce energia e materiali naturale a strumentazioni di produzione ad alta tecnologia.

Un punto di partenza per lo sviluppo di nuove idee su come sfruttare l’energia solare e la carenza di materie prime

L’esperimento mira ad attirare l’attenzione sulle sfide future per la produzione e a innescare nuove applicazioni per sfruttare appieno il potenziare della risorsa energetica più efficiente del mondo, il sole. È un punto di partenza per lo sviluppo di nuove idee. Il progetto è stato sviluppato da Markus Kayser mentre seguiva il Master in design di prodotti presso il Royal College of Art.

Markus Kayser all'opera nel deserto con il suo SolarSinter
Markus Kayser all’opera nel deserto con il suo SolarSinter
Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]