Ancora una settimana per aggiornare il PC con il nuovo sistema operativo di Microsoft



La prossima è la settimana della fine della gratuità di Windows 10. Più precisamente dal 29 luglio 2016 è l’ultimo giorno in cui il nuovo sistema operativo di Microsoft potrà essere liberamente scaricato e installato su tutti i terminali basati su Windows 7, Windows 8 o Windows Phone 8.1. In molti avranno certamente notato la presenza di una nuova icona che consente di prenotare il software e quindi di effettuare il download. Nel caso non sia arrivata la notifica, è possibile prenotare l’aggiornamento facendo clic sull’app Ottieni Windows 10 o sul pannello di controllo di Windows Update. Va da sé che è sempre possibile annullare la richiesta in qualsiasi momento prima dell’installazione di Windows 10.

Occorre ricordarsi bene che non ci sono altri metodi diversi dall’utilizzo della procedura di aggiornamento ed è possibile trovarsi anche nella spiacevole situazione di non poter sfruttare questa opportunità pur avendone il pieno diritto. Se l’update sarà gratuitamente scaricabile solo fino al 29 luglio 2016, Microsoft ne assicura il supporto fino al 14 ottobre 2020 con estensione fino al 14 ottobre 2025. E per i possessori di un computer equipaggiato con le precedenti release del software di Redmond? Le scadenze sono 17 aprile 2017 per Windows Vista, 14 gennaio 2020 per Windows 7, 10 gennaio 2023 per Windows 8.

Nel caso di necessità è sempre possibile contattare l’assistenza Microsoft. Per farlo occorre collegarsi a www.microsoft.com/it-it. Prima di effettuare la richiesta è necessario registrarsi. A quel punto occorre scegliere il servizio per cui si chiede il supporto, come Windows. Quindi selezioniare la versione del sistema operativo che interessa dal menu in alto a destra e fare clic su Windows 10. Per parlare con un tecnico andare in fondo alla pagina e fare clic su Contatta Microsoft Answer Desk. Quindi cliccare su Chiamatemi appena possibile e attendere la ricezione di una chiamata al numero indicato durante la registrazione.

Come precisato dalla multinazionale di Redmond, si tratta di una versione completa e non di una release di valutazione, di prova o di presentazione. I requisiti richiesti sono la presenza di una versione originale di Windows 7 Service Pack 1 (SP1) o Windows 8.1 (Update). Le versioni sviluppate sono 7 ovvero Windows 10 Home per i singoli consumatori, Windows 10 Mobile per smartphone e tablet, Windows 10 Pro per le aziende, Windows 10 Enterprise per le aziende di maggiori dimensioni, Windows 10 Education per insegnanti, studenti, personale amministrativo, dirigenti del mondo della scuola, Windows 10 Mobile Enterprise passando per Windows 10 IoT Core compatibile con altre piattaforme di sviluppo.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 2 Media: 3.5]

NESSUN COMMENTO

Rispondi