A grandi passi verso il rilascio del nuovo aggiornamento di sistema operativo Windows 10 Fall Creator Update. Il sotware introduce molti cambiamenti nell’esperienza d’uso sia per gli utenti e sia per gli sviluppatori. L’appuntamento con il download e l’installazione è solo nella prossima stagione autunnale. Ma la multinazionale di Redmond ha offerto un’abbondante presentazione delle nuove funzionalità e dei servizi introdotti. Iniziamo a scoprirli nel dettaglio con questo approfondimento

Cloud e OneDrive. La nuova funzione OneDrive su Richiesta consente di visualizzare i file salvati nel cloud di Microsoft in Esplora risorse senza doverli sincronizzare sul proprio dispositivo Windows locale. In questo modo è possibile risparmiare spazio sul computer perché i file saranno scaricati sul disco solo nel caso ci servono. Questa funzionalità è compatibile con qualsiasi app. Per utilizzare la funzione OneDrive su Richiesta si deve prima attivarla. Per farlo basta cliccare sull’icona di OneDrive presente nell’area di notifica e andare nelle Impostazioni. Una volta che OneDrive su Richiesta è stato abilitato, i file e le cartelle possono avere tre stati differenti. Disponibili solo online: in questo caso per essere aperti c’è bisogno di una connessione a Internet. Disponibile localmente: quando si apre un file disponibile solo online, il suo contenuto viene scaricato e diventa disponibile anche localmente e quindi vi si può accedere successivamente senza avere una connessione a Internet. Sempre disponibile: solo i file contrassegnati con un cerchio verde e il segno di spunta bianco sono sempre disponibili sul computer, anche quando non siamo in linea.

Consumo batteria. Quando si hanno molte applicazioni attive in background, si consuma più energia e di conseguenza l’autonomia della batteria del computer portatile diminuisce. In Windows 10 Fall Creators Update è stata introdotta una nuova modalità di gestione del risparmio energetico chiamata appunto Power Throttling. In pratica, quando ci sono applicazioni aperte in background il sistema continua a tenerle attive, ma fa lavorare la CPU nella modalità più efficiente. Questa modalità, secondo Microsoft, consente di aumentare l’autonomia fino all’11% in più, ma al momento è disponibile solo per i computer dotati di un processore compatibile con la tecnologia Intel Speed Shift, ovvero quelli di sesta generazione o più recenti. È possibile gestire la modalità di risparmio energia sia cliccando sull’icona della batteria dall’area di notifica, sia andando in Impostazioni -> Sistema -> Batteria. Cliccando su Uso della batteria in base alle app possiamo scegliere quali applicazioni devono essere gestite da Windows per quanto riguarda il risparmio energetico. Il Power Throttling viene disattivato quando si imposta la modalità per le massime prestazioni.

Contatti. La funzionalità Persona era stata inizialmente prevista per l’aggiornamento Creators Update, ma poi Microsoft ha preferito rimandarla al prossimo Fall Creators Update. In pratica l’app consente di inserire i contatti preferiti sulla barra delle applicazioni per accedervi più facilmente. Attraverso il collegamento di una persona si potranno visualizzare le conversazioni recenti, le email scambiate, i suoi dettagli di contatto come numero di telefono, indirizzo. Mediante l’app Persone potremo condividere un file in modo diretto e più veloce, indipendentemente da dove ci troviamo. I contatti potranno essere recuperati dalle applicazioni sociali installate sul PC come Skype, Posta. Una volta aggiunto il contatto sulla barra delle applicazioni, cliccandoci sopra si apre una finestra che offre un rapido accesso alle applicazioni cui è connesso. Se si clicca su Posta si può inviare velocemente una email direttamente dalla finestra aperta nella barra delle applicazioni.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome