L’aggiornamento di Windows 10 noto come Anniversary Update sarà rilasciato il 2 agosto



C’è una prima data da segnare sul calendario ed è quella del 29 luglio 2016, ultimo giorno a disposizione per scaricare gratuitamente sul proprio PC il nuovo sistema operativo Windows 10 di Microsoft. Dopo questa data, occorre aprire il portafogli per installare il software perché il prezzo di base di Windows 10 è di 135 euro. Le versioni disponibili sono 7: Windows 10 Home (per i singoli consumatori), Windows 10 Mobile (per smartphone e tablet), Windows 10 Pro (per le aziende), Windows 10 Enterprise (per le aziende di maggiori dimensioni), Windows 10 Education (per insegnanti, studenti, personale amministrativo, dirigenti del mondo della scuola), Windows 10 Mobile Enterprise e Windows 10 IoT Core (compatibile con altre piattaforme di sviluppo).

I requisiti minimi per ospitare Windows 10 sono la presenza di un processore da 1 GHz o superiore con 1 GB di RAM (32 bit) o 2 GB (64 bit). E ancora: 20 GB di spazio disponibile su disco rigido, risoluzione dello schermo pari a 800 x 600 o superiore, processore grafico DirectX 9 con driver WDDM. In questo contesto, vanno segnalati i problemi e gli errori segnalati dagli utenti che in questi primi 11 mesi hanno installato il nuovo sistema operativo. I più comuni sono:

Codice 0x80073712. Questo errore può significare che uno dei file necessari a Windows Update è danneggiato o mancante.

Codice 0x800F0923. Questo errore può significare che un driver o un altro software presente nel PC non è compatibile con l’aggiornamento a Windows 10. Per informazioni su come risolvere il problema, possiamo contattare il supporto tecnico Microsoft.

Codice 0x80200056. Può indicare che il processo di aggiornamento è stato interrotto perché abbiamo riavviato inavvertitamente il PC o ci siamo disconnessi. Proviamo a ripetere l’aggiornamento e verifichiamo che il PC sia collegato a Internet e rimanga acceso.

Codice 0x800F0922. Può significare che il PC non è stato in grado di connettersi ai server di Windows Update. Se usiamo una connessione VPN per connetterci a una rete aziendale, disconnettiamoci dalla rete e disattiviamo il software VPN (se presente), quindi proviamo a ripetere l’aggiornamento. L’errore potrebbe anche significare che lo spazio libero disponibile nella partizione riservata per il sistema non è sufficiente. Potremmo risolvere il problema usando un software di terze parti per aumentare le dimensioni della partizione.

Codice 0xC1900208 – 0x4000C. Indicano che un’app incompatibile installata nel PC blocca il completamento del processo di aggiornamento. Verifichiamo che le app incompatibili siano disinstallate e quindi proviamo a eseguire di nuovo l’aggiornamento.

Codice 0xC1900200 – 0x20008. Codice 0xC1900202 – 0x20008. Questo errori possono indicare che il PC non soddisfa i requisiti minimi per il download o l’installazione dell’aggiornamento a Windows 10.

Codice 0x80070070 – 0x50011. Codice 0x80070070 – 0x50012. Codice 0x80070070 – 0x60000. Indicano che il PC non ha spazio sufficiente per installare l’aggiornamento. Liberiamo dello spazio sull’unità e riproviamo.

L’aggiornamento di Windows 10 noto come Anniversary Update sarà rilasciato il 2 agosto, stando alle informazioni pubblicate da Microsoft all’interno della roadmap aggiornata per le funzionalità già disponibili, in sviluppo o in preview incluse nell’ultimo sistema operativo della corporation. Anche se la tabella di marcia è indirizzata all’utenza business, buona parte delle caratteristiche copre anche le versioni consumer del software. La data di pubblicazione dell’Anniversary Update viene indicata nella descrizione dell’assistente personale Cortana che sarà in grado di analizzare i messaggi di posta elettronica degli utenti per creare promemoria personalizzati.

Oltre alla Shell Bash, un sottosistema Linux derivato da Ubuntu, e alle novità già rese note, Windows 10 AU conterrà caratteristiche già disponibili nelle versioni Insider Preview, destinate ai membri del programma di sviluppo del sistema operativo, inclusive di protezioni aggiuntive ai dati aziendali, autenticazione multi-fattore su app e siti web tramite l’utilizzo diWindows Hello e Passport, il supporto alle estensioni e alle schede bloccate sul browser Edge. Tra le funzionalità ancora in sviluppo, un servizio di difesa avanzato dalle minacce su Windows Defender e l’uso di un telefono o di un dispositivo compatibile per sbloccare un PC.

E ancora: il supporto migliorato alle funzionalità di Continuum, streaming da PC a PC e monitoraggio di contenuti tramite picture-in-picture, il supporto migliorato alle stilo digitali e ai display touch (Windows Ink). Infine, un Menu Start migliorato.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 5 Media: 4.2]

NESSUN COMMENTO

Rispondi