A Cupertino c'è fiducia sulle performance commerciali dei nuovi MacBook Pro

Prosegue senza soste la crisi di Twitter. Fallito il processo di vendita, la società si prepara a un futuro da sola, tagliando 800 posti, 8% del totale. Il taglio dovrebbe essere annunciato oggi con i risultati trimestrali prima dell’apertura a Wall Street. Una novità per Twitter, che di solito li pubblica dopo la chiusura e che ha sollevato dubbi sulla possibilità che la piattaforma di microblogging abbia altro da comunicare. La motivazione è che dopo la chiusura sono attese molte trimestrali tra le quali quella di Apple, che ha il primo calo delle vendite annuali di iPhone.

E i numeri hanno rivelato che per la società di Cupertino gli utili sono in calo per Apple con una flessione del fatturato del 30% nella regione cinese. Di positivo, stando alle aspettative dovrebbe l’arrivo della recente coppia di nuovi iPhone 7 mentre domani è atteso il lancio di nuove versioni del MacBook Pro. La mossa di Twitter ha comunque alimentato i dubbi dopo il fallimento del processo di vendita. Il passaggio di mano sembrava imminente nelle scorse settimane, mai papabili acquirenti si sono sfilati lasciando Twitter alle prese con le sue difficoltà.

Il colosso HP Inc ha poi chiuso l’accordo per rilevare da Samsung la divisione che produce stampanti per 1,05 miliardi di dollari. La transazione dovrebbe essere finalizzata nel giro di 12 mesi e in base ai termini dell’accordo, Samsung si è impegnata a comprare sul mercato azioni HP Inc per un ammontare compreso tra 100 e 300 milioni di dollari una volta che l’acquisizione verrà completata. Con l’operazione, HP Inc otterrà da Samsung anche oltre 6.500 brevetti e mira a diventare una delle aziende leader nel mercato delle stampanti, attualmente dominato da aziende del calibro di Xerox – focalizzandosi sul settore chiave della tecnologia per la stampa laser.

Una mossa che rientra in un piano più ampio di riposizionamento dell’azienda di Palo Alto che sta cercando nuovi canali di sviluppo dopo che smartphone, tablet e altri apparecchi digitali hanno soppiantato i sistemi tradizionali di stampa. Nello scorso trimestre, il fatturato della divisione stampanti di HP si è ridotto del 14% a 4,42 miliardi di dollari, mentre le vendite totali sono calate del 4% a 11,9 miliardi di dollari. Per HP Inc si tratta della maggiore acquisizione da quando l’anno scorso si è scorporata da Hewlett Packard Enterprise per concentrarsi su personal computer e hardware. «Questa è la maggiore mossa strategica per Hp», ha affermato il presidente della divisione Imaging, Printing & Solutions di Hp, Enrique Lores, durante la conference call aggiungendo che «la separazione delle attività sta funzionando davvero».

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 3 Media: 2.3]

NESSUN COMMENTO

Rispondi