In coincidenza con il rilascio di un aggiornamento di sistema operativo per iPhone e iPad scatta la ricerca del jailbreak e anche questo iOS 9.3 non è da meno. Non si tratta di una procedura illegale, intendiamoci, anche se viene meno l’eventuale garanzia e Apple è continua a essere sempre molto attiva sul fronte del contrasto alle modalità di sblocco. Il problema è che, soprattutto nei giorni immediatamente successivi al rilascio dell’update, si moltiplicano i tentativi di truffa, i fake o la richiesta di una somma di denaro per lo sblocco del device. Uno di questi su cui è puntato l’indice degli utenti è quello di Taig9.com. Il tool, una volta installato, recupera il numero unico del dispositivo di Apple anche se non sembra che ci siano problemi per la sicurezza.

E in effetti, basta visitare il sito per scoprire come sia già a disposizione la prima beta del software per il jailbreak in modalità untethered dell’iOS 9.3. Dopo l’avvio, viene ricevuta una notifica sulla corretta installazione di Cydia, ma in realtà si tratta dell’app 3K Assistant, uno strumento per il jailbreaking già utilizzato dal team Taig per le versioni precedenti dell’iOS. Si scopre che si tratta di una versione freemium e che viene chiesto il pagamento di almeno 15 dollari per il passaggio alla modalità premium che permette di installare Cydia. Qualcuno potrebbe vedere in questa operazione un legittimo tentativo di autofinanziamento, ma in realtà, anche versando l’importo richiesto, non cambia alcunché.

Il suggerimento è di non procedere con l’operazione e di eliminare il software installato. Attualmente, le versioni dell’iOS jailbroken sono iOS 9.1, iOS 9.0.2, iOS 9.0.1 e iOS 9.0 e il tool di sblocco porta la firma di Pangu. La procedura è di tipo untethered ovvero non è necessario riavviare il proprio iPhone mentre è collegato a un computer per installare gli strumenti di jailbreak. Allo stato non esiste alcune jailbreak di iPhone e iPad equipaggiati con iOS 8.4.1, iOS 9.2, iOS 9.2.1 e iOS 9.3.

Si ricorda che l’iOS 9.3 è gratuitamente scaricabile su iPhone 6S, iPhone 6S Plus, iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone 5S, iPhone 5C, iPhone 5, iPhone 4S, iPad Pro, iPad Air 2, iPad Air, iPad 4, iPad 3, iPad 2, iPad mini 3, iPad mini 2, iPad mini e iPod touch di quinta generazione. Alla luce dei tanti problemi riscontrati, c’è già chi ha messo in conto il rilascio dell’update correttivo iOS 9.3.1. La ricezione della notifica è automatica e coinvolgerà in contemporanea tutti i dispositivi coinvolti. In ogni caso, per verificare la presenza dell’upgrade direttamente dal proprio dispositivo, è possibile seguire il percorso Impostazioni Generali > Aggiornamento Software > Scarica e Installa dal proprio terminale oppure collegare il device a un Mac o a un PC via iTunes.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 127 Media: 3.4]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome