Supercorso italiano in sicurezza informatica

L’appuntamento più noto è quello con la Mobile security conference (Mosec), organizzata tutti gli anni dal team Pangu, in cui si fa il punto sulle conquiste più recente. In particolare, in occasione dell’edizione 2016, è stato mostrato il jailbreak iOS 10, ma senza la comunicazione della data di messa a disposizione del tool di sblocco. Si è trattato di una strategia inevitabile considerando che il nuovo sistema operativo iOS 10 per iPhone e iPad non era stato ancora rilasciato. Solo poche settimane fa, un hacker italiano, Luca Todesco, meglio conosciuto come qwertyoruiop, ha pubblicato un video con il jailbreak iOS 10.

Anche in questo caso, la comunicazione di novità si è fermata un istante prima della rilevazione di tutti i dettagli, anche perché Apple è al lavoro sullo sviluppo del nuovo aggiornamento iOS 10.1. In questa cornice, al via a Modena la prima scuola per hacker a cui è possibile iscriversi fino al 15 ottobre. Dal 24 ottobre parte il primo supercorso italiano in sicurezza informatica, la Cyber Academy presso l’università di Modena e Reggio Emilia. Una scuola per hacker dove il termine non è da intendersi secondo l’accezione comune: hacker è qui inteso come una persona che vuole superare le barriere e capire che cosa c’è dietro.

L’obiettivo è portare esempi positivi e concreti, etici, e formare persone predisposte per questo lavoro alla sicurezza e alla difesa. La selezione alla scuola è basata su competenze informatiche fondamentali: sistemi operativi, reti, software ed è indispensabile saper programmare. Vi sono poche lezioni frontali, molte esercitazioni in laboratorio, e project work condotti sia in modo autonomo sia in gruppo: il corso prevede un impegno semestrale a tempo pieno (diviso in due trimestri secondo la formula del bootcamp) e prevede costi limitati grazie al supporto economico del comune di Modena, di ErGo, e di aziende emiliane e nazionali.

Sono infine previste borse di studio per i migliori partecipanti e prestiti di onore per tutti i frequentanti la scuola. Per iscriversi e saperne di più, occorre consultare il sito internet: http://cyber.unimore.it/index.shtml. Nessuna illustrazione del jailbreak iOS 10, dunque, ma l’insegnamento di competenze sfruttabili ad ampio raggio. Oltre che da iPhone 7 e iPhone 7 Plus, l’iOS 10 è supportato su iPhone 6S, iPhone 6S Plus, iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone SE, iPhone 5S, iPhone 5C, iPhone 5, iPad Pro da 12,9 pollici, iPad Pro da 9,7 pollici, iPad Air 2, iPad Air, iPad di quarta generazione, iPad mini 4, iPad mini 3, iPad mini 2, iPod touch di sesta generazione.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 32 Media: 2.6]

NESSUN COMMENTO

Rispondi