Gennaio è un mese di grandi manovre per Cupertino



L’annuncio c’è e porta la firma di un affidabile hacker italiano, anche se non c’è ancora una data ufficiale di uscita del jailbreak iOS 10.2. Ad aver sviluppato l’exploit del più recente aggiornamento di sistema operativo di Apple sarebbe stato qwertyoruiop (Luca Todesco), annunciandolo con un tweet. A quanto pare, il jailbreak sarà supportato da tutti i modelli di iPhone compatibili con iOS 10.2 – iPhone 6S, iPhone 6S Plus, iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone SE, iPhone 5S, iPhone 5C, iPhone 5 – tranne l’iPhone 7 e verosimilmente anche l’iPhone 7 Plus. Per i due smartphone top di gamma dell’azienda di Cupertino sarà necessario continuare a fare riferimento al jailbreak iOS 10 e iOS 10.1.1, il cui tool di sblocco è stato rilasciato sul finire dello scorso anno.

Nessun riferimento ai vari iPad Pro da 12,9 pollici, iPad Pro da 9,7 pollici, iPad Air 2, iPad Air, iPad di quarta generazione, iPad mini 4, iPad mini 3, iPad mini 2, iPod touch di sesta generazione ovvero agli altri dispositivi a firma Apple che supportano il nuovo software. A ogni modo, queste sono le esatte parole del tweet: “My fix for the issues in the 10.1 jailbreak will be to add support to 10.2. It will however not work on iPhone 7 on 10.2, just 10 and 10.1“. Di conseguenza, i possessori di iPhone 7 e iPhone 7 Plus dovrebbero evitare di eseguire l’upgrade a iOS 10.2 se vogliono sfruttare il jailbreak. La procedura, si ricorda, sebbene legale annulla l’eventuale garanzia nel caso di interventi di riparazione.

Il tutto mentre i laboratori di Cupertino vengono dati al lavoro non solo nello sviluppo del nuovo update iOS 10.2.1, di cui sono state rilasciate le prime versioni di prova. Ma anche del più sostanzioso aggiornamento iOS 10.3. Le prime release per testare le novità, le correzioni di bug e i miglioramenti allo studio della mela morsicata, che dovrebbero coinvolgere anche il Centro di controllo, sarebbero da mettere in conto già in questo mese di gennaio. Per verificare la presenza dell’upgrade iOS 10.3 e in tempi più stretti dell’iOS 10.2.1, direttamente dal proprio dispositivo, è possibile seguire il percorso Impostazioni Generali > Aggiornamento Software > Scarica e Installa dal proprio terminale oppure collegare il device a un Mac o a un PC via iTunes.

In questo contesto, mentre Apple non centra gli obiettivi di ricavi e profitti e taglia i compensi dei suoi vertici. Al chief financial officer, Luca Mestri, è stato staccato per l’esercizio fiscale 2016 un assegno da 22,80 milioni di dollari, meno dei 25,3 del 2015, inclusi 20 milioni di premio in azioni. A Eddie Cue, senior vice president, sono andati 22,81 milioni, contro i 25,05 del 2015.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 10 Media: 3.3]

NESSUN COMMENTO

Rispondi