Sono già otto le versioni beta dell’iOS 10 e le novità, i miglioramenti e le correzioni dei bug implementati dalla società di Cupertino si affiancano a quelli introdotti con le precedenti release di prova del nuovo software. L’iOS 10 beta 8 è compatibile con iPhone SE, iPhone 6S, iPhone 6S Plus, iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone 5S, iPhone 5C, iPhone 5, iPad Pro da 12,9 e da 9,7 pollici, iPad Air 2, iPad Air, iPad 4, iPad 3, iPad 2, iPad mini 3, iPad mini 2 e iPod touch di quinta generazione. Ma questi sono anche i giorni del rilascio dell’update correttivo iOS 9.3.5 e quelli in cui è salito al centro dell’attenzione lo spyware Trident, sviluppato dalla società israeliana Nso Group, quello con cui è stato attaccato l’iPhone dell’attivista per i diritti umani Mansoor e che colpisce smartphone e tablet, auto connesse, smart TV e dispositivi indossabili.

Lo spyware è un software che raccoglie informazioni sull’attività di un utente senza il suo consenso, trasmettendole generalmente a un’organizzazione che le utilizza per trarne profitto. Il funzionamento è semplice: viene inviato un link ad un sito web e una volta aperto, Trident cerca le vulnerabilità del browser Safari. Quindi viene individuato il kernel, il nucleo del sistema operativo, che viene in parte riscritto. Lo spyware a quel punto è integrato al sistema operativo e da remoto si può sapere tutto del telefono e installare a piacimento ogni tipo di programma. Da parte sua, Apple ha quindi provveduto ad aggiornare il sistema operativo dei suoi smartphone per chiudere la breccia attraverso cui agisce Trident.

A ogni modo, tra le ultime novità che caratterizzano la beta più recente dell’iOS 10 ci sono la presenza dell’App Store per l’applicazione Messaggi da cui scaricare nuove estensioni per iMessage, il cambiamento dell’icona della Apple TV nella sezione AirPlay del Centro di Controllo, l’attivazione della funzionalità Auto Unlock per sbloccare automaticamente un Mac aggiornato al nuovo software macOS Sierra, la possibilità di richiamare alcune gesture del 3D Touch con una pressione prolungata sui dispositivi che non supportano la funzionalità del 3D Touch, il ritorno del precedente suono della tastiera, la modifica dell’icona di Home Kit nell’applicazione Impostazioni.

E ancora: la maggiore velocità nel passaggio dalla fotocamera posteriore alla videocamera frontale, la presenza di nuove icone e testi aggiornati per le gesture aggiuntive del 3D Touch, il ripristino dell’applicazione Feedback per l’invio di segnalazione sul funzionamento dell’iOS 10, l’aggiunta della voce Emergency SOS in Impostazioni -> Privacy, l’introduzione nelle Mappe dell’opzione Visualizzare l’auto parcheggiata.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 66 Media: 3.4]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome