Adesso ci siamo: è tutto pronto per il Google I/O 2016, quest’anno dal 18 al 20 maggio allo Shoreline Amphitheatre di Mountain View, in California. Questa volta le aspettative sono più alte, se non altro perché il palcoscenico è da sempre sfruttato dalla società di Mountain View per la prima presentazione del suo nuovo sistema operativo per smartphone e tablet, ma questa volta molti dettagli sono stati rivelati con ampio anticipo. Ci riferiamo alle due devoloper preview di Android N già rilasciate e che hanno indicato il percorso seguito. Anche se non è questa l’occasione per il loro lancio sul mercato, non sono da escludere nuove indicazioni sui nuovi smartphone Nexus 5 e Nexus 6 2016.

Stando alle indiscrezioni dell’ultim’ora, le principali novità ovvero la sorpresa che non ti aspetti dovrebbe essere rappresentata dalla realtà virtuale Andoid VR. BigG è sempre più decisa a recitare un ruolo da protagonista in questo segmento di mercato e intende porre le basi al Google I/O 2016. Ovviamente vano messi in conto aggiornamenti e notizie sul sistema operativo Android N o Android 7. Sul versante delle funzionalità, si vocifera della possibile implementazione di funzionalità per migliorare le opzioni di gestione della batteria e della tecnologia per il riconoscimento del livello di pressione delle dita sul display.

Resta poi la necessità di avere maggiore chiarezza in merito al percorso di unificazione tra Chrome OS e Android di cui si vocifera da tempo. Non si può non ricordare che Hiroshi Lockmeier, SVP di Android e Chrome, ha escluso la fusione tra i due sistemi operativi per smartphone e tablet, ma ha rivelato come Mountain View stia lavorando per ottimizzare la rispettiva esperienza d’uso. Google ha spiegato di essere impegnata nello sviluppo di un maggior numero di funzioni per Chrome OS, come l’aggiornamento visivo basato sul Material Design, un nuovo lettore multimediale, il miglioramento generale delle prestazioni e l’innalzamento del livello di sicurezza.

La multinazionale di Mountain View ha poi aggiornato Android Wear nel corso dell’ultimo anno con l’aggiunta di funzionalità Wi-Fi, ma potrebbe annunciare ulteriori miglioramenti, come ad esempio un migliore controllo vocale e nuovi controlli gestuali. Ed è possibile che Google annuncerà nuovi modelli di auto compatibili con Android Auto e un maggior numero di applicazioni di terze parti compatibili con il sistema di infotainment aziendale. Ma soprattutto sono appunto attese sorprese sul fronte della realtà virtuale. Come ha scritto il Wall Street Journal ha scritto della sviluppo di un “all-in-one virtual-reality headset“.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 32 Media: 3.9]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome