Non solo sul top di gamma Samsung Galaxy S7, rispetto a cui la distribuzione è attesa in Italia a stretto giro. Android 7 Nougat farà la sua comparsa anche sull’ex smartphone di punta Samsung Galaxy S6. E nell’arco di pochi giorni. Se non ci sono mai stati dubbi sulla disponibilità del nuovo sistema operativo anche per il Galaxy S6, la novità risiede appunto nell’accelerazione delle operazioni. I tempi sono come al solito indefiniti, sia in riferimento agli operatori telefonici e sia ai mercati di riferimento, ma i primi decisivi passi sono stati compiuti.

La notifica della disponibilità di Android 7 Nougat anche si Samsung Galaxy S6, oltre che su Samsung Galaxy S7, è automatica, ma seguendo il percorso Impostazioni -> Info sul telefono -> Aggiornamenti sistema, è possibile verificare manualmente la presenza dell’upgrade. A preoccupare il mondo Android è però Skyfin, il nuovo malware che sta circolando in questi giorni su smartphone e tablet equipaggiati con il software di Google, che ha una caratteristica ben precisa: è in grado di scaricare in automatico app dal Play Store dopo aver sottratto il codice identificativo.

Il problema sta nella sua capacità di camuffare le sue azioni poiché Skyfin effettua il download ma non installa le app e di conseguenza il possessore di uno smartphone Android non coglie alcun cambiamento. Per infiltrarsi nei device Android sufrutta i file APK da terze parti prelevati da store alternativi a quello di Google. L’obiettivo degli autori? Aumentare il numero dei download di app ben precise così da innalzare il tasso di popolarità. Non solo, ma la ricerca della campagna di malware organizzata da Check Point, azienda specializzata in sicurezza, ha rivelato come oltre un milione di account Google siano compromessi. L’operazione, che ha infettato almeno 13mila dispositivi Android al giorno, è stata chiamata Gooligan.

Il suo scopo è di infiltrare su smartphone e tablet programmi nocivi che a loro volta installano automaticamente applicazioni pubblicitarie fraudolente. Secondo quanto spiegato da Forbes, questo tipo di attacchi di massa può far guadagnare ai suoi fautori più di 300mila dollari in un mese. Gooligan potenzialmente può infettare tutti i dispositivi Android 4 e 5 non adeguatamente protetti. Numeri alla mano, queste due versioni del sistema operativo di BigG rappresentano circa il 74% dei telefoni e tablet Android in circolazione. La campagna di malware ha colpito soprattutto gli utenti asiatici. Nel momento in cui scriviamo, i responsabili della sicurezza Android stanno collaborando con Check Point per risolvere il problema.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 19 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome