È il più grande mai fatto da Microsoft, l’acquisto di LinkedIn, social network per professionisti fondato nel 2002 e che che conta oltre 400 milioni di utenti nel mondo. Un’operazione da 26,2 miliardi di dollari, voluta dai vertici di Microsoft nell’ambito di una strategia mirata a crescere sempre di più sul web. L’accordo, in particolare, prevede che la multinazionale di Redmond paghi 196 dollari ad azione, con un premio del 50% sulla quotazione di chiusura fatta registrare da LinkedIn venerdì scorso. E il titolo della società di Mountain View, vicina di casa di Google, è schizzato alle stelle a Wall Street, facendo registrare durante le contrattazioni di ieri picchi fino al 47%.

Il titolo ha perso nell’ultimo anno il 42% del suo valore. Ma ieri è salito al Nasdaq fino al 48%, a più di 192 dollari ad azione. Tanto per avere un termine di confronto, nel 2011, per Skype, Microsoft ha speso 8,5 miliardi. L’accordo per il social network prevede che Microsoft paghi 196 dollari ad azione, con un premio del 50% sulla quotazione di chiusura fatta registrare da LinkedIn venerdì scorso. In un comunicato diffuso a ridosso dell’annuncio della notizia e per fare luce sui dettagli dell’operazione di cui erano trapelate poche indiscrezioni nei giorni precedenti, Microsoft sottolinea come LinkedIn «manterrà il suo brand, la sua cultura e la sua indipendenza».

«L’obiettivo – ha dichiarato Satya Nadella, numero uno di Redmond – è mettere insieme la nostra nuvola informatica con la rete del mondo dei professionisti». «Il team di LinkedIn ha fatto crescere un business fantastico che collega milioni di professionisti in tutto il mondo – ha precisato Nadella – e ora si tratta di contribuire alla crescita di questo social network». Soddisfatti anche il cofondatore di Linkedin, Reid Hoffman, che ha creato LinkedIn13 anni fa, e l’amministratore delegato Jeff Weiner, che hanno parlato di «rifondazione» e assicurato come LinkedIn manterrà intatta la sua indipendenza. Anche loro hanno sottolineato le potenzialità che potranno scaturire mettendo insieme i servizi cloud di Microsoft e la rete di LinkedIn.

In particolare, gli esperti del settore e di queste grandi manovre argomentano che connettendo LinkedIn al sistema Office di Microsoft molti possono essere i vantaggi: come aiutare chi partecipa a un meeting a saperne di più e in maniera immediata su altri partecipanti, con un semplice invito sulla piattaforma. Mentre addetti alle vendite potranno in tempo reale avere informazioni sui potenziali acquirenti.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 2 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome