Ancora pochi giorni di attesa prima della Worldwide Developers Conference 2016. Quest’anno il raduno tra la società di Cupertino e i suoi sviluppatori provenienti da tutto il mondo inizierà lunedì 13 giugno per concludersi 5 giorni dopo, venerdì 17. Preso atto che è ormai impossibile trovare posto al Moscone West di San Francisco in California, così come al Bill Graham Civic Auditorium dove è in programma la conferenza di apertura dell’evento, una concreta possibilità per seguire gli eventi, le sessioni di lavoro e i laboratori più interessanti è affidarsi alla diretta streaming da smartphone, tablet, Mac e anche PC.

La possibilità è duplice. Da una parte c’è l’app ufficiale, gratuitamente scaricabile, dall’altra c’è il sito ufficiale della manifestazione. I riflettori si accenderanno alle ore 10 locali quando in Italia saranno le 18. Ci sono delle condizioni ben precise da rispettare. iPhone, iPad o iPod Touch devono essere equipaggiati almeno con l’iOS 7 e collegarsi al web con Safari, i Mac devono basarsi su OS X 10.8.5 o versioni successive con Safari 6.0.5 o release seguenti, le Apple TV di seconda, terza o quarta generazione possono accedere via Apple Events app mentre per i PC è indispensabile la presenza del nuovo sistema operativo Windows 10 per la diretta streaming della WWDC 2016.

Le principali novità vanno ricercate nell’ambito software. Ci sarà innanzitutto la prima presentazione dell’iOS 10, la prossima major release per iPhone e iPad. Come da tradizione, non ci sono informazioni ufficiali da parte delle multinazionale di Cupertino, ma la maggior parte delle indiscrezioni sulla WWDC 2016 riferisce dell’introduzione di un bel po’ di cambiamenti e miglioramenti: dal perfezionamento dell’assistente vocale Siri, anche per Mac, alla rivisitazione di Apple Music, il servizio per l’ascolto di musica in streaming fino al possibile all’allargamento del mercato dell’Apple Pay. C’è anche chi riferisce di novità sotto i versanti della domotica e della realtà aumentata.

Il nuovo sistema operativo nel contesto della WWDC 2016 va inquadrato anche in vista del lancio sul mercato della prossima generazione dello smartphone di Apple (iPhone 7). Sono in tanti a scommettere che la vera innovazione arriverà proprio sul versante software anziché da quello hardware, rispetto al quale sono attesi solo aggiornamenti incrementali. Ecco poi l’upgrade dell’OS X, il sistema operativo per Mac, ovvero l’OS X 10.12 e un nuovo aggiornamento watchOS per Apple Watch. Non sarà invece questo il palco per il lancio della web TV di Apple di cui da tempo circolano insistenti rumor sui contenuti e sui prezzi al pubblico. Sembra che sia caduta anche l’ipotesi della presentazione del Thunderbolt Display con risoluzione 5K con GPU integrata in grado di alleggerire i MacBook dai calcoli sulla grafica. E naturalmente non ci sarà alcun iPhone 7.

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 8 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome