C’è anche lo streaming tra le possibilità per vedere la finale di Wimbledon 2017 tra Federer e Cilic. Gli strumenti ufficiali passano da Eurosport che trasmette il match di tennis sulla sua emittente o sul sito ufficiale. Quest’ultimo è raggiungibile anche attraverso l’app dedicata. Seppur gratuitamente scaricabile, l’utilizzo del software è a pagamento. Il prezzo dell’abbonamento per un anno, comprendente anche altri eventi sportivi, è di 29,99 euro. Ma se ci si vuole limitare al tennis, il costo fino agli Us Open, ultimo slam in programma di questo 2017, è pari a 14.99 euro. Tra le novità e i nuovi modi per vedere in streaming gratis la finale di Wimbledon 2017 c’è quello dei siti delle emittenti non italiane che hanno regolarmente acquisito i diritti per la gestione delle immagini della stagione di tennis.

La questione è comunque controversa, tenendo conto che non tutti propongono questa opportunità. Alcuni punti di riferimento sono i Paesi Bosnia ed Erzegovina con BHRT e Televizija OBN, Colombia con RCN TV, Bielorussia con Belteleradio, Croazia con HRT, Birmania con MNTV, Cipro con CyBC, Bolivia con Bolivia TV, Danimarca con MTG, Brasile con Rede Bandeirantes e Rede Globo, Ecuador con RTS, Estonia con TV6, Bulgaria con bTV Action , El Salvador con TCS, Cina con CCTV, LeTV, Sina, Tencent e PPTV, Finlandia con Yle, Belgio con Medialaan e RTL, Francia con D8, Costa Rica con Teletica. E che dire dei siti dei bookmaker? Non mancano alcuni condizionamenti, come la necessità nella maggior parte dei casi di essere giocatori attivi e di aver creato un account e dunque essere regolarmente registrati, ma si tratta comunque di una possibilità aggiuntiva per vedere la finale di Wimbledon 2017 in streaming.

Federer Cilic: cosa aspettarsi

A una vittoria dalla leggenda: fra Roger Federer e l’ottavo sigillo dei Championships è rimasto il solo Marin Cilic, suo avversario nella finale di domenica. In 2 ore e 18 minuti il campione di Basilea ha superato in tre set Tomas Berdych, raggiungendo l’undicesima finale sui prati sacri di Londra, la 29esima in un torneo dello Slam di una carriera inimitabile. Una vittoria di ordinaria amministrazione, la 90esima conquistata in Church road: sempre in controllo del gioco e del punteggio, non appena ha avuto bisogno di alzare il livello di gioco, Federer puntualmente è salito in cattedra. Sostenuto soprattutto dalla battuta, che gli ha assicurato 13 ace, e l’84% di punti sulla prima di servizio. Un’arma in più che gli ha consentito di centrare l’ottava vittoria consecutiva contro il 31enne ceco (19 in totale, 6 sconfitte), protagonista di un’ottima partita.

Sulla soglia dei 36 anni (che compirà il prossimo 5 agosto), lo svizzero diventa il secondo più vecchio finalista dei Championships, dopo Ken Rosewall (sconfitto nella finale del 1974, a 39 anni e 246 giorni). Una longevità straordinaria, quella di King Roger, alla 70esima partecipazione a uno Slam, la 19esima nell’All England club. Oggi, nella partita numero 102 sui prati di Church road (eguagliato il record dello statunitense Jimmy Connors), Federer troverà dall’altra parte della rete Cilic, sconfitto in sei dei sette precedenti, compresa la vittoria lo scorso anno proprio a Londra, dopo essere stato sotto due set. Il 28enne nato a Medjugorie è il secondo croato a raggiungere la finale, dopo Goran Ivanisevic nel 2001. In poco meno di tre ore ha sconfitto lo statunitense Sam Querrey, conquistando la finale a Wimbledon per la prima volta dopo 11 partecipazioni, la seconda in una prova dello Slam.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome