Tutto pronto per la gara di questo pomeriggio sabato 24 settembre 2016 tra Palermo Juventus, alle ore 18, da vedere anche in diretta streaming su computer o su smartphone e tablet. Se a detenere i diritti alla trasmissione sono Mediaset e Sky, che oltre alla diretta TV (Sky Sport 1 HD e Calcio 1 HD; Premium Sport HD) propongono quella live via web, potrebbe valere la pena fare un tentativo sul satellite sul canale svizzero RSI La2 o su quello austriaco ORF, utili soprattutto a chi vive più a vicino al confine. Attenzione alle soluzioni per vedere gratis Palermo Juventus collegandosi a portali e piattaforme varie per lo streaming, come Rojadirecta, rispetto a cui Sky e Mediaset hanno promesso il pugno duro sia nei confronti dei proponenti di queste soluzioni e sia verso gli utenti che le utilizzeranno.

In Italia la diretta streaming di Palermo Juventus da dispositivi fissi e mobile è appunto assicurata da Mediaset attraverso il servizio Premium Play, fruibile dai soli abbonati. Più precisamente, la compatibilità del servizio è garantita su smartphone e tablet sia equipaggiati con sistema operativo Android e su iPhone e iPad. E ancora: PC, Mac, Xbox, smart TV, decoder, smart cam e Chromecast. Lo streaming di Palermo Juventus è proposto da Sky in due modi: l’app Sky Go, solo per abbonati e supportato da iPad 2, Nuovo iPad, iPad display Retina, iPad mini, iPad mini 2, iPad mini 3, iPad Air e iPad Air 2, purché non siano stati sbloccati via jailbreak, e la piattaforma web Now TV, per cui non occorre alcun abbonamento con il canale satellitare e né viene richiesto l’equipaggiamento con una parabola.

Le piattaforme supportate sono PC, Mac, tablet, smartphone, smart TV, Xbox One e Xbox 360, PlayStation 3 e PlayStation 4 e Now TV Box. Il costo di una sola partita è di 9,99 euro, ma c’è la possibilità di acquistare ticket mensili a 19,99 euro. La tecnologia alla base del funzionamento è Microsoft Silverlight. In ogni caso, invitiamo a fare riferimento alle sole piattaforme legali.

Dal punto di vista sportivo, i tre punti sono un obbligo sempre, per la Juventus. Non basta aver dominato il campionato per cinque anni consecutivi: per azzerare le critiche e lottare per il sesto scudetto è necessario vincere ogni partita. Massimiliano Allegri stimola la fame di vittoria dei suoi: «Non possiamo andare via da Palermo senza i tre punti» è il messaggio esplicito del tecnico bianconero, tanto meno sottovalutare la squadra siciliana, «reduce da un pareggio e una vittoria in trasferta, voglioso e senza grandi responsabilità».

Sembra essersi ormai esaurita l’ondata di critiche che ha seguito il ko di San Siro, complice la straripante vittoria con il Cagliari: il ritorno in campo di Higuain, andato a segno alla prima occasione utile, e il sorpasso in vetta ai danni del Napoli hanno rasserenato gli animi, restituendo alla Juventus lo smalto che sembrava avere perso nello 0-0 di Coppa con il Siviglia e a San Siro. Al Barbera Allegri si affiderà al collaudato 3-5-2. Cambieranno però gli interpreti, con un Dybala sostituito da Mandzukic per formare la coppia di corazzieri insieme ad Higuain. «Senza Dybala è normale che puoi giocare in modo diverso: se gioca Pjaca è un discorso, se giocano Mandzukic e Higuain insieme abbiamo in po’ di punti di riferimento in attacco». In difesa, complice il riposo concesso a Chiellini, confermato Rugani, mentre a centrocampo, con Khedira, Lemina o Hernanes nel ruolo di regista. Ancora panchina per Pjaca.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 8 Media: 4]

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome