Si comincia domani ma gli azzurri scendono in campo domenica alle 15. Le app per iPhone e iPad e smartphone e tablet Android



Tutto pronto per il debutto dell’Italia nel Sei Nazioni 2017 di rugby contro il Galles, squadra vincitrice delle ultime due edizioni. Alle 15 ci sarà il fischio d’inizio all’Olimpico. Ma il via alla manifestazione è già domani sabato 4 febbraio con il match Scozia Irlanda. La soluzione per assistere alla partita è duplice. Da una parte c’è la diretta TV in chiaro offerta da Dmax sul canale 52 del digitale terrestre o sul canale 28 di Tivùsat. Ma la stessa emittente televisiva propone la diretta streaming sulla piattaforma web creata per l’evento. A completare il pacchetto c’è anche il sito ufficiale del Sei Nazioni 2017 e le app per device mobile.

Da questa pagina è scaricabile quella per iPhone, iPad e iPod touch; in quest’altra per smartphone e tablet Android. I prossimi appuntamenti della nazionale italiana con il Sei Nazioni 2017 di rugby sono sabato 11 febbraio alle 15.30, sempre all’Olimpico di Roma contro l’Irlanda. A seguire, domenica 26 febbraio alle 14.30 al Twickenham Stadium contro l’Inghilterra, sabato 11 marzo alle 14.30 allo Stadio Olimpico contro la Francia, sabato 18 marzo alle 12.30 al BT Murrayfield contro il Galles. Ultimo giorno libero allora per godersi le bellezze di Roma con le proprie famiglie, da domani l’Italrugby tornerà a fare sul serio in vista dell’esordio al 6 Nazioni 2017 domenica all’Olimpico contro il Galles.

Sarà il torneo delle novità, perché il torneo che comincia sabato con Scozia Irlanda a Murrayfield introduce un nuovo sistema di punti per la classifica, adeguandosi alla formula già adottata dal resto del pianeta ovale. Ci saranno quindi non più 2 ma 4 punti per ogni vittoria, mentre i due punti saranno assegnati per il pari. Ci sarà poi un punto di bonus per la squadra che segna almeno 4 mete, e un altro in caso di sconfitta con uno scarto finale di 7 lunghezze o meno. Come dire che si vuole spingere ogni squadra verso l’ottenimento del maggior numero di marcature possibili.

Chiara la strategia del coach azzurro, Conor O’Shea, che punta a tenere testa ai rivali lungo tutto l’arco del match: «Dovremo giocare 400 minuti di alto livello», diceva ieri l’allenatore irlandese, il cui intento è quello di mantenere gioco e mentalità allo stesso livello per tutte e cinque le partite del torneo continentale. Tra gli assenti in casa azzurra, l’infortunato Simone Favaro non fa mancare il suo apporto e punta già alla prossima gara con l’Irlanda dell’11 febbraio sempre all’Olimpico: «Sarà uno dei 6 Nazioni più spettacolari di sempre e anche noi vogliamo essere una delle nazionali italiane più spettacolari di sempre», sostiene con convinzione la terza linea azzurra. Parole d’ordine: «Passione, combattimento e rivalsa: vogliamo dare un segnale di crescita dopo che a novembre abbiamo vinto un match storico con il Sudafrica».

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 2 Media: 5]

NESSUN COMMENTO

Rispondi