Tutto pronto per la sfida di oggi venerdì 17 giugno 2016 Italia Svezia, da vedere in diretta streaming su PC, smartphone e tablet. Il fischio d’inizio allo stadio di Tolosa di questa valida valida per il secondo turno della fase a gironi del gruppo E degli Europei 2016 è alle ore 15. Oltre che in diretta TV sui canali Sky e su quelli Rai ci sono soluzioni per la diretta live e sono offerte da Rai e Sky. Nel primo caso è sufficiente collegarsi al sito rai.tv, individuare e scegliere nelle voci di menu “Dirette TV”, selezionare Rai 1 nel successivo menu a tendina che si apre. Al termine di una manciata di secondi di pubblicità, inizierà il collegamento via streaming di Italia Svezia.

Su smartphone e tablet è poi possibile scaricare l’app gratuita rai.tv. Dopo averla installata è sufficiente fare clic su Rai 1 nella prima schermata in alto Dirette TV. Il suggerimento è di verificare con attenzione di essere collegati a una rete Wi-Fi poiché il consumo dati è notevole. Doppia possibilità con Sky per la diretta streaming di Italia Svezia di questo pomeriggio. La prima è l’app Sky Go, soli per abbonati. Anche se gratuitamente scaricabile e consente l’accesso anche al resto della programmazione Sky, la fruizione è legata alla sottoscrizione di un contratto con il canale satellitare. Quindi c’è la piattaforma web Sky Online per vedere Italia Svezia: non richiede alcun abbonamento ma è a pagamento. Il costo di una singola partita è di 9,99 euro.

Dal punto di vista sportivo, Florenzi potrebbe rimpiazzare Darmian. Il pericolo numero uno è Zlatan Ibrahimovic che il prossimo anno potrebbe giocare in Premier: «È talmente forte che può giocare in qualsiasi campionato del mondo, non vedo preclusioni, può spostare gli equilibri. Intanto c’è una squadra come la Svezia, molto quadrata, con una stella. Bisognerà attaccare la squadra in toto, tener presente sia della difesa che dell’attacco. C’è il problema Ibrahimovic, ma potrebbero esserci problemi come Berg o Guidetti, i calci da fermo. Quando andiamo a valutare le squadre avversarie lo facciamo da squadra per poi estrapolare i difetti», ha spiegato l’allenatore Antonio Conte.

Attenzione poi all’Uefa. I media di mezzo mondo hanno celebrato la vittoria italiana con titoloni roboanti su giornali cartacei e digitali. Di diverso parere l’Uefa che, affidandosi allo strano algoritmo d’un giochino chiamato Barometro giocatori Socar, non ha inserito neanche un azzurro nell’undici ideale del primo turno: in difesa compaiono tre giocatori della Spagna (Juanfran, Piqué e Alba) che hanno avuto ben poco da difendere contro la Repubblica Ceca schiacciata davanti al proprio portiere. A centrocampo non figura neppure Iniesta, la stella della competizione. Però c’è Bale distintosi in occasione sprecate e nella battuta degli angoli. Pare che il sistema consideri un mare di statistiche. Sarebbe preferibile se l’Uefa, mai affettuosa con il nostro calcio, si affidasse a tecnici di provata esperienza per dare credibilità alle sue cose.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 3 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome