Per la diretta live della gara di oggi domenica 26 giugno 2016 il punto di riferimento in Italia è Sky



C’è anche la soluzione della diretta streaming per vedere Germania Slovacchia di oggi domenica 26 giugno 2016 alle ore 18. Appare inutile provare a vedere la partita valida per gli ottavi di finale dei campionati europei in streaming con Rojadirecta da smartphone, tablet e PC. Il portale è oscurato e i detentori dei diritti alla trasmissione delle immagini hanno lanciato l’offensiva ai modi alternativi di visione. Tuttavia, sul satellite, soprattutto chi abita al confine, può fare un tentativo anche sul canale svizzero RSI La2 o su quello austriaco ORF. Altri punti di riferimento sono Hotbird 13 (13 gradi est) e Astra 1 (19,2 gradi est).

In Italia il punto di riferimento è Sky che propone due strade per la diretta live streaming: l’app Sky Go, solo per abbonati, e la piattaforma web Now TV (fino a qualche giorno fa Sky Online(, per cui non occorre alcun abbonamento con il canale satellitare. Il costo di un singolo match è di 9,99 euro e attualmente è in vigore una promozione che consente di utilizzare gratuitamente il servizio per un mese, anche se non comprende le partite degli Europei 2016 e dunque non include Germania Slovacchia. Condizione preliminare da verificare è l’equipaggiamento con la tecnologia Microsoft Silverlight per chi si collega da PC o Mac.

Più precisamente, i dispositivi compatibili con Now TV sono PC con sistema operativo Windows XP, Windows Vista, Windows 7 e Windows 8.1, Windows 10, Mac con sistema operativo 10.7, 10.8, 10.9, tablet ovvero iPad 2, iPad 3, iPad 4, iPad Mini, iPad Pro, iPad Air tramite app; Samsung Galaxy Note 10.1 (2012), Samsung Galaxy Note 8.0, Samsung Galaxy Tab 3 10.1, Samsung Galaxy Tab 3 8.0, Samsung Galaxy Tab 2 10.1, Samsung Galaxy Tab 10.1, Samsung Tab S 10.5, Samsung Tab S 8.4, smartphone, smart TV, Xbox One e Xbox 360, PlayStation 3 e PlayStation 4 e dal Now TV Boc (ex Sky Online TV Box) che si collega alla porta HDMI del televisore e consente l’accesso via Ethernet o Wi-Fi.

A proposito, la legione straniera agli Europei conferma la bontà di quasi tutti gli investimenti fatti dai club italiani, con il pericolo della fuga quando acquisiscono una forte quotazione internazionale. Prendendo in esame solo i gol, dei 69 segnati nella prima fase, nove portano la firma di giocatori importati che militano in serie A, tre li hanno segnati elementi che hanno fatto la gavetta nel campionato italiano. Considerando anche i tre siglati dagli azzurri ci sono quindici gol (quasi un quarto del totale) made in Italy. Finora sono tre le prodezze della legione straniera agli europei: il fiorentino Kalinic ha capitalizzato l’unica partita giocata portando in vantaggio la Croazia sulla Spagna con uno splendido colpo di tacco, il napoletano Hamsik, oggi in campo, ha siglato il gol della sicurezza con la Russia con un tiro a giro impeccabile, il romanista Nainggolan ha timbrato la qualificazione del Belgio con una spettacolare conclusione a mezz’altezza da lontano eliminando la Svezia di Ibra (rimasto a secco nelle sue ultime gare con la nazionale).

Il più prolifico è stato però Alvaro Morata, terminale offensivo della Spagna: un colpo di testa e una conclusione di rapina nella doppietta con la Turchia, un altro colpo di testa nella gara persa con la Croazia. E alla sorprendente vittoria sui croati ha partecipato anche Perisic con un rasoterra tipico del suo gioco. L’interista aveva già regalato una gioia alla sua squadra con un diagonale con la Repubblica Ceca su assist del viola Badelj. Il nono gol all’italiana lo ha realizzato un altro fiorentino, il polacco Blaszczykowski con un gran tiro appena entrato firmando così la vittoria sull’Ucraina. Le tre reti degli ex sono state siglate dall’islandese Bjarnason (Pescara e Sampdoria e ora al Basilea) col Portogallo, dal tedesco Mario Gomez (ex fiorentino e capocannoniere in Turchia col Besiktas) con l’Irlanda del Nord e dall’altro tedesco Mustafi (passato l’anno scorso dalla Samp al Valencia) con l’Ucraina.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 3 Media: 5]

NESSUN COMMENTO

Rispondi