Fa il suo debutto l’Asdi, il nuovo assegno di disoccupazione 2016, e puntuale arrivano i nuovi chiarimenti dell’Inps. La misura scatta dal giorno successivo alla fine della fruizione della Naspi, il precedente strumento di sostegno al reddito. Viene erogato ogni mese per 6 mesi. Per riceverlo occorre che almeno uno dei seguiti requisti di base venga soddisfatto: presenza in famiglia di almeno un minore di 18 anni; almeno 55 anni di età e mancata maturazione dei requisiti di pensione anticipata o di vecchiaia. E ancora: stato di disoccupazione; Isee non superiore a 5.000 euro; sottoscrizione del Patto di servizio personalizzato presso il centro per l’impiego.

Come presentare domanda (via web)

La domanda deve essere presentata all’Inps solo attraverso il sito web istituzionale. Il percorso da seguire, a partire dalla homepage, è Servizi per il cittadino -> Autenticazione con Pin -> Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito -> Asdi. Nella domanda il lavoratore autocertifica il possesso di tutti i requisiti e si impegna a comunicare tempestivamente e sempre con il modello telematizzato Asdi le eventuali circostanze che possono determinare variazioni dell’importo dell’assegno o che ne possono determinare la decadenza. In questo caso, il modello è disponibile seguendo il seguente percorso -> Servizi per il cittadino -> Autenticazione con Pin -> Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito -> Asdi -> Comunicazioni Asdi.

Il provvedimento di accoglimento o di rigetto della domanda è consultabile sul sito web dell’Inps su -> Servizi per il cittadino -> Autenticazione con PIN -> Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito -> Asdi -> Consultazione domande.

Compatibilità e incompatibilità

L’Asdi è compatibile con assegno o indennità a cieco civile; assegno o indennità a sordomuti; assegno o indennità a invalidi civili; pensione ai superstiti; pensione di guerra; pensione facoltativa; rendite vitalizie da infortunio; pensione a carico di Stati esteri con i quali non esistono convenzioni internazionali in materia di sicurezza sociale; pensione a carico dell’assicurazione di un altro Stato membro dell’Unione europea; pensione privilegiata tabellare, quale ad esempio quella conferita per infermità contratta durante il servizio militare obbligatorio, avente titolo risarcitorio in assenza di un rapporto di impiego o di servizio continuativo.

Ma non è compatibile con assegno sociale; pensione di vecchiaia; pensione di anzianità o anticipata; pensione di inabilità.

Quando si decade dal diritto all’Asdi

Ci sono quattro circostanze: perdita dello stato di disoccupazione; raggiungimento dei requisiti per il pensionamento di vecchiaia, anticipato o assegno sociale; inizio di un’attività lavorativa subordinata, o in forma autonoma o di impresa individuale, senza provvedere entro 30 giorni alle comunicazioni all’Inps, salvo che la durata del rapporto di lavoro subordinato sia inferiore a sei mesi; acquisizione del diritto all’assegno ordinario di invalidità o alla pensione di invalidità, sempre che il lavoratore non opti per il mantenimento dell’Asdi.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 3 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome