La strada verso la pubblicazione del bando sul nuovo Tfa ordinario è in discesa e a breve dovrebbero essere comunicate tutte le informazioni ufficiali relative ai tempi di attivazione, ai requisiti per la partecipazione e alle modalità di svolgimento. Avviate le operazione delle prove orali del concorso scuola e resi noti i dettagli sulla chiamata diretta dei docenti da parte dei dirigenti scolastici, le attenzioni e gli sforzi del Ministero dell’Istruzione dovrebbero adesso concentrarsi proprio sul Tfa terzo ciclo. Tuttavia, come dimostrato dalla gestione e dal rispetto della tabella di marcia dei cambiamenti, anche in riferimento con quanto indicato nel progetto sulla Buona Scuola, gli imprevisti sono frequenti e sempre dietro l’angolo.

A ogni modo, appare interessante notare come gli insegnanti (assunti a tempo indeterminato) che dal prossimo anno scolastico vorranno partecipare alle selezioni per l’assegnazione delle cattedre nel proprio ambito territoriale, dovranno essere informaticamente alfebetizzati ed equipaggiati dal punto di vista digitale. Gli esempi sono almeno due. In riferimento alla prima fase, quella per l’individuazione degli insegnanti da assegnare sulla base dei criteri espressi da ciascun dirigente scolastico, gli stessi docenti possono caricare il proprio curriculum vitae nell’apposita sezione del sito Istanze On Line. Ci sono delle scadenza ben precise da rispettare.

L’alternativa è la presentazione della propria candidatura a una o più istituzioni scolastiche via posta elettronica. Per la scuola dell’infanzia e la scuola primaria, la finestra temporale è tra il 29 luglio e il 4 agosto 2016; per la scuola secondaria di primo grado tra il 6 e il 9 agosto 2016; per la scuola secondaria di secondo grado tra il 16 e il 19 agosto 2016. Il secondo esempio, anch’esso messo nero su bianco dal Ministero dell’Istruzione, è la possibilità di partecipare ai colloqui per illustrare il proprio curriculum vitae e ottenere informazioni utili per scegliere tra le diverse scuole, non solo di persona, ma anche in remoto ovvero sfruttando le nuove tecnologie.

Il riferimento va ai software di messaggistica istantanea che consentono anche le videochiamate, come Skype e la stessa WhatsApp. In ogni caso e in attesa dell’attivazione del Tfa terzo ciclo per l’abilitazione di nuovi insegnanti, esiste anche una seconda fase della chiamata diretta ed è quella finalizzata all’individuazione e all’assegnazione dei docenti alle scuole da parte degli Uffici scolastici regionali nei casi residuali in cui la prima fase non abbia consentito di provvedervi.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 8 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome