L'Apple store di New York
L'Apple store di New York - Wikipedia

Esperti di sicurezza hanno scoperto un’altra vulnerabilità nel software di Apple che gli hacker possono usare per rubare informazioni dagli iPhpne e dagli iPad, convincendo gli utenti a scaricare un’app che, invece di funzionare come si deve, ruba i dati degli utenti mettendoli nelle loro directory. Tuttavia, a differenza di quello che è successo la scorsa settimana, questo è un malware che non è stato aoncora del tutto usato da parte degli hacker e sembra proprio che la Apple stia già correndo ai ripari, secondo la compagnia di ricerca che ha scoperto la vulnerabilità.

La scoperta di FireEyE

FireEye è una società che si occupa di sicurezza informatica ed è basta a San Francisco. La scoperta è arrivata lo scorso lunedì e ha aumentato i timori per quanto riguarda la sicurezza dei device Apple. La Mela morsicata è famosa per utilizzare le migliori procedure di sicurezza per tenere al sicuro i propri dispositivi. Tuttavia, questa aura di invulnerabilità sta venendo offuscata dalla vulnerabilità delle macchine che ha in un sinonimo la sua causa ultima: ubiquità.

Un monito

Il nuovo malware viene visto più come un monito che un’effettiva minaccia ai dati degli utenti della Apple. Inffatti, con i device Apple che diventano sempre più presenti nel nostro ambiante, ecco che gli hacker si ingegnano e cominciano a colpire anche i device Apple, con buona pace degli utenti e di chi crede che Apple sia immune a qualsiasi attacco. Certo, la sicurezza di Apple è ancora migliore di quella degli altri dispositvi (hey, Microsoft…) non è un caso che ogni minaccia faccia, tutto sommato, notizia. E, infatti, mentre le compagnie di sicurezza informatica di tutto il mondo si mobilitano, a noi utenti non resta altro da fare che sperare che l’inseguimento tra guardie e ladri finisca presto.

Leggi anche:

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]