La procedura passo dopo passo prima dell'inizio della prova scritta



Al via domani giovedì 28 aprile 2016 il concorso scuola per insegnanti. Le prime classi di concorso interessate sono Storia dell’arte (A54), Laboratorio di liuteria (B04), Scienze, tecnologie e tecniche agrarie (A51) al mattino e Scienze e tecnologie nautiche (A43), Design del libro (A04), Scienze e tecnologie meccaniche (B17) al pomeriggio. Il Ministero dell’Istruzione ha illustrato passo dopo passo la procedura che dovrà essere seguita in tutte le aule. In prima battuta, i candidati vengono fatti accedere uno alla volta e questa operazione non può iniziare prima che le postazioni PC siano state avviate e sbloccate. A quel punto ciascun partecipante viene riconosciuto e firma il registro d’aula cartaceo mentre il responsabile tecnico d’aula spunta sul registro elettronico la presenza.

A quel punto al candidato viene fatto scegliere e firmare un codice di controllo che gli viene consegnato, considerando che il numero di codici di controllo è pari al triplo del numero di candidati previsti. Successivamente al candidato viene fatto firmare il proprio modulo anagrafico che gli viene consegnato e si consegna una busta internografata, in cui deve conservare i moduli ricevuti senza sigillare la busta. Nelle classi di concorso, dove previsto, il candidato sceglie sulla postazione la lingua in cui sostenere le domande a risposta multipla. Naturalmente deve essere ripetuta la scelta dell’iscrizione. Solo dopo che tutti i candidati saranno in postazione e che avranno effettuato la scelta della lingua il responsabile tecnico comunica il codice di sblocco. Solo a questo punto inizia la prova.

Entra dunque nel vivo il concorso che manderà in cattedra 63.712 nuovi insegnanti, che loro malgrado dovranno rivivere la “notte prima degli esami” tipica dell’esame di maturità. Lasciando polemiche e proteste fuori della porta delle aule dove si svolgeranno le prove. Le prove scritte, in tutto 93, considerati gli accorpamenti di alcune classi di concorso, proseguiranno fino al 31 maggio. I candidati (sono state 165.578 le domande presentate) svolgeranno gli elaborati direttamente sul computer: sono previste otto domande sulla materia di insegnamento di cui due in lingua straniera (inglese, francese, tedesco o spagnolo, obbligatoriamente l’inglese per la primaria).

Sei quesiti saranno a risposta aperta (di carattere metodologico e non nozionistico) e due (quelli in lingua) a risposta chiusa. Il candidato è chiamato a dimostrare di avere un livello di competenza pari almeno al livello B2. Gli aspiranti docenti dovranno rispondere in 150 minuti. A parità di classe di concorso e tipo di posto tutte le prove avverranno in contemporanea su tutto il territorio nazionale. E in una stessa giornata, nella stessa aula, si potrebbero svolgere due differenti prove, una nella mattinata e una nel pomeriggio.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 3 Media: 5]

NESSUN COMMENTO

Rispondi