ristrutturazione casa

La legge di stabilità ha portato, per questo 2016, tante novità: si parte proprio con le detrazioni inerenti la ristrutturazione casa. Non solo: novità anche per chi ha intenzione di acquistare i mobili, oppure per chi ha intenzione di “riqualificare”, a livello energetico la propria abitazione. Ecco le ultime notizie in merito, con guide dettagliate anche sui siti di riferimento come, businessonline.it

Detrazioni Casa 2016: le novità

Tante le novità inerenti la detrazione per la casa 2016: iniziamo proprio con quelli inerenti il 50%. Chi ha intenzione di eseguire lavori di ristrutturazione sul proprio immobile, può chiedere questo tipo di sgravio sulle spese sostenute fino ad un massimo di 96 mila euro.

Ovviamente, per poter usufruire di questo tipo di vantaggio economico, bisogna essere proprioetari, o titolari di un diritto reale, sull’abitazione interessata dai lavori. I lavori che si possono fare sono diversi: dall’intervento per la sicurezza della casa al riordino degli spazi interni.

L’iter è semplice: si paga la spesa tramite bonifico bancario o postale (ricordatevi, nella causale di riferimento della norma) di inserire la motivazione, i codice fiscale dei beneficiari della detraizone, e il codice fiscale (o partita IVA) del beneficiario del pagamento.

Subito dopo provvedete a comunciare all’Asl di riferimento l’entità e l’inizio dei lavori. Ricordatevi (data la loro improtanza!) di conservare tutti i documenti per eventuali controlli, o in caso di dubbi. La mancanza di uno solo dei documenti, infatti, comporta la perdita definitiva dei benefici fiscali richiesti.

DETRAZIONE AL 65%: LE CARATTERISTICHE – In caso di riqualificazione energetica, è possibile richiedere la detrazione al 65% delle spese sostenute da suddividere in 10 anni. Gli interventi, a questo proposito, riguardano il miglioramento termico dell’edificio, l’installazione di pannelli solari o la sistituzione di impianti di climatizzazione.

Il tetto massimo, a questo proposito, varia dai 30 ai 100 mila euro. Le opere, però, devono avvenire su edifici già esistenti.

BONUS MOBILI: LE CARATTERISTICHE – Infine, parliamo del bonus inerente l’acquisto di mobili o grandi elettrodomestici. In questo caso la detrazione spettante equivale al 50% su un massimo di 10 mila euro. In caso di dubbi, però, non esitate a controllare il sito delle Agenzie delle Entrate: al suo interno troverete tutte le informazioni di cui avete bisogno.

Articoli Correlati:
Come giudichi l'articolo?
[Totale: 9 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome