Nuovi chiarimenti dell'Agenzia delle entrate sui requisiti per il bonus mobili ed elettrodomestici



Continuano i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate in merito al bonus mobili ed elettrodomestici per l’acquisto di letti, armadi, librerie, scrivanie, sedie, divani, frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, forni, con particolare attenzione alle giovani coppie. Tra le novità di questo 2016 si segnalano l’aumento del tetto di spesa per gli under 35 e la non indispensabilità del matrimonio. Più precisamente, la convivenza deve durare da almeno tre anni per le sole coppie conviventi more uxorio. Per le coppie coniugate, invece, è sufficiente che la coppia risulti sposata nell’anno 2016.

Giovani coppie. Sono definite tali quelle “costituenti un nucleo familiare composto da coniugi o da conviventi more uxorio che abbiano costituito nucleo da almeno tre anni, in cui almeno uno dei due componenti non abbia superato i 35 anni“. La convivenza deve durare da almeno tre anni per le sole coppie conviventi more uxorio e che tale condizione deve risultare soddisfatta nell’anno 2016.

Requisito anagrafico. Il requisito anagrafico dei 35 anni di età deve intendersi rispettato dai soggetti che compiono il 35esimo anno d’età nell’anno 2016, a prescindere dal giorno e dal mese.

Competenza. Il bonus spetta anche se l’acquisto dell’immobile è stato effettuato nel 2015. L’acquisto può essere effettuato da entrambi i coniugi o conviventi more uxorio o da uno solo di essi. In quest’ultimo caso l’acquisto deve essere effettuato dal soggetto che non ha superato il 35esimo anno d’età nel 2016.

Gratuità dell’immobile. È possibile fruire del bonus anche se l’immobile viene acquisito a titolo gratuito (donazione o successione).

Abitazione principale. La destinazione ad abitazione principale deve sussistere nell’anno 2016 anche se il requisito si deve verificare entro il 30 settembre 2017 (presentazione dichiarazione redditi 2016).

Soggetto acquirente. Anche se l’ammontare massimo di spesa sul quale calcolare la detrazione deve essere riferito alla coppia, non rileva quale dei componenti il nucleo familiare acquisti i mobili.

Cumulabilità. Se i mobili acquistati sono destinati all’arredo di unità abitative diverse è possibile cumulare il bonus giovani con il “bonus mobili e grandi elettrodomestici”.

Pagamenti. Se il pagamento è disposto mediante bonifico bancario o postale non è necessario utilizzare il bonifico appositamente predisposto da banche e Poste per le spese di ristrutturazione edilizia (bonifico soggetto a ritenuta).

Decorrenza delle spese. L’acquisto dei mobili può essere effettuato anche prima che si verifichino i requisiti di legge.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 2 Media: 5]

NESSUN COMMENTO

Rispondi