La conferma della proroga ufficiale dei tempi di trasmissione del modello 770 2016 è arrivata dallo scadenzario diffuso sul sito dell’Agenzia delle entrate. Emerge infatti come il differimento al 22 agosto 2016 riguarda sia le presentazioni telematiche del modello 770 (ordinario e semplificato) e del modello Iva TR di richiesta di rimborso o compensazione dell’Iva a credito del secondo trimestre 2016, sia i versamenti della seconda o terza rata delle imposte e dei contributi risultanti dal modello Unico delle persone fisiche non titolari di partita Iva, che hanno effettuato il versamento della prima rata rispettivamente entro il 6 luglio 2016, ad esempio perché socio di società con studi di settore, o entro il 16 giugno 2016. Se ne parlava già da tempo, ma adesso è stato messo formalmente nero su bianco.

Di conseguenza, il 22 agosto 2016 è anche il giorno della scadenza della trasmissione telematica da parte dei sostituti d’imposta delle Certificazioni Uniche 2016 prive du dati da utilizzare per l’elaborazione della dichiarazione precompilata. Il modello 770 2016 semplificato deve essere utilizzato dai sostituti d’imposta per comunicare in via telematica all’Agenzia delle entrate i dati fiscali relativi alle ritenute operate nell’anno 2015, i relativi versamenti e le eventuali compensazioni effettuate nonché il riepilogo dei crediti. Contiene infatti i dati identificativi del dichiarante, quelli relativi ai versamenti e all’utilizzo dei crediti, i dati relativi alle somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi nonché quelli relativi alle ritenute.

Va presentato direttamente tramite un intermediario abilitato, altri soggetti incaricati (per le amministrazioni), tramite società appartenenti al gruppo. Non è consentita la presentazione tramite banche convenzionate od uffici postali né i soggetti momentaneamente all’estero possono utilizzare il mezzo della raccomandata o altro mezzo equivalente. La dichiarazione si considera presentata nel giorno in cui è conclusa la ricezione dei dati da parte dell’Agenzia delle entrate. La prova della presentazione della dichiarazione è data dalla comunicazione attestante l’avvenuto ricevimento dei dati, rilasciata per via telematica.

Il modello 770 ordinario deve essere utilizzato dai sostituti d’imposta, dagli intermediari e dagli altri soggetti che intervengono in operazioni fiscalmente rilevanti, tenuti, sulla base di specifiche disposizioni normative, a comunicare i dati relativi alle ritenute operate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale erogati nell’anno 2015 o operazioni di natura finanziaria effettuate nello stesso periodo, nonché i dati riassuntivi relativi alle indennità di esproprio e quelli concernenti i versamenti effettuati, le compensazioni operate e i crediti d’imposta utilizzati.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento!
Il tuo nome